Musica in “Storia di un Presidente che si credeva un topo”

C’è un aspetto della mia narrazione che spesso non viene presa in considerazione, ma che, al contrario, è parte integrante del racconto e , anzi, sottende all’intera vicenda umana del protagonista, Andrea. Si tratta dell’aspetto musicale, ossia della presenza assidua e costante della musica all’interno del racconto. Non si tratta di una questione secondaria oContinua a leggere “Musica in “Storia di un Presidente che si credeva un topo””

Quel pasticciaccio dell’ANPI e l’imprevisto fattore P

Da alcuni giorni circola il manifesto dell’ANPI per le celebrazioni del 25 aprile del 2022, e che non poche polemiche ha suscitato. Qualcuno sostiene che nel Sacro Nome della Resistenza, si finisca sempre per perdonare tutto all’ANPI. Però alcuni rilievi vanno fatti. Mettendo da parte il fatto che i pochi partigiani ancora rimasti in vitaContinua a leggere “Quel pasticciaccio dell’ANPI e l’imprevisto fattore P”

LA FATTORIA DEI PACIFISTI di George Orwell

Si lo stesso George preso ad esempio da tutti quelli che si sentono sotto dittatura e controllo mediatico. Lo stesso George che ha scritto 1984 e Animal Farm era un visionario usato dai maestri della New Age che copiano le belle storie senza riflettere, e che in nome della Pace spianano strade a qualsiasi totalitarismo.Continua a leggere “LA FATTORIA DEI PACIFISTI di George Orwell”

Facciamo parlare gli anziani!

E chi lo dice che la terza età non abbia una sua bellezza?I vecchi sono il filo che collega il passato al futuro. Un filo sottile, a volte invisibile, ma sempre forte, ed impossibile da tagliare. Ogni persona vecchia è portatrice di un sapere antico, di una postura nei confronti della vita da tramandare alleContinua a leggere “Facciamo parlare gli anziani!”

Il ciclista di Bucha e l’attivista Russo a Mosca

Durante la seconda guerra mondiale si diceva: Italia Grecia, stessa faccia stessa razza, per indicare la vicinanza storica e culturale di due popoli posti su due sponde opposte del mar Mediterraneo. Oggi possiamo dire la stessa cosa per gli Ucraini ed i Russi: una faccia, una razza. Eppure qualcosa continua a non girare per ilContinua a leggere “Il ciclista di Bucha e l’attivista Russo a Mosca”