Una poesia inedita dell’amico Franco Arminio

Vi dono una poesia inedita che mi ha appena inviato l’amico Franco Arminio:

Diteci se quell’uomo pancia a terra
era un bidello, un pensionato, un barbiere,
ci aiuta a rendere più sincera la nostra pena.
Questi cadaveri per terra
sono un ritratto della nostra umanità.
In questi giorni non stiamo abitando il mondo
ma la crudeltà e la menzogna.
L’orrore si è spalancato a oriente
la menzogna attecchisce ovunque,
nulla è più accidentale,
ma il crimine non ci raggiunge
perché ci siamo spenti da tempo,
perché dal nostro piccolo morire
non si vede e non si sente
l’odore del sangue, l’urlo
della paura in chi è calpestato
assieme ai rami, alla neve, al fango.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: