Il sistema russo s sostegno delle destre estreme

Per quattro mesi, abbiamo cercato in questo Consiglio di catalogare la litania delle atrocità della Russia in Ucraina, sapendo benissimo che le informazioni pubblicamente disponibili ora sono, purtroppo, solo una frazione dell’intera portata degli orrori raccapriccianti che probabilmente verranno scoperti in seguito. Le atrocità che abbiamo discusso in questo Consiglio e che sono state descritte dalla Missione conoscitiva del meccanismo di Mosca sono semplicemente ripugnanti. Tutti indietreggiamo istintivamente solo al loro accenno. Sono stati condannati in questo Consiglio. Le parole di Franklin Delano Roosevelt suonano vere ancora oggi, quando ha detto: “Ci siamo uniti a persone che la pensano allo stesso modo per difenderci in un mondo che è stato gravemente minacciato dal governo dei gangster”.

Signor Presidente, abbiamo anche smascherato l’ovvia e assurda bugia secondo cui il presidente ucraino ebreo e di lingua russa è un nazista. Abbiamo mostrato molto chiaramente che il termine “nazista”, quando usato dai funzionari russi, è semplicemente una parola in codice per riferirsi a chiunque si opponga alla guerra barbara della Russia contro l’Ucraina. Molti in questo Consiglio hanno parlato dei simboli Z, delle camere di tortura, dei campi di filtraggio, della violenza sessuale, della rieducazione e dello sfollamento forzato dei civili. Ma non abbiamo ancora discusso completamente la prevalenza dell’estremismo di estrema destra e dell’ultranazionalismo, anzi del neonazismo, tra le forze e i delegati russi.   

Le atrocità non accadono naturalmente o spontaneamente. Il totale disprezzo mostrato da un così gran numero di soldati russi per l’umanità degli anziani, delle donne e dei bambini ucraini è il risultato diretto dell’alimentazione delle sue forze con un mucchio di bugie sull’Ucraina e il suo popolo e dell’instillazione di idee ultranazionaliste e disumanizzanti tra le sue truppe . Tale ideologia è stata a lungo propagata all’interno della Russia e incarnata da gruppi estremisti di estrema destra nostrani.  

Signor Presidente, questo ultranazionalismo di estrema destra viene infatti coltivato come strumento di guerra. Il sostegno di lunga data del Cremlino ai gruppi estremisti violenti di estrema destra e il suo obiettivo di distruggere e soggiogare l’Ucraina sono due facce della stessa medaglia. Non abbiamo bisogno di guardare oltre il dilagante incitamento all’odio che nega l’esistenza dell’Ucraina come nazione indipendente: una retorica sfumata con sfumature nazionaliste russe intransigenti che alimenta una narrativa domestica che sottolinea una visione del mondo collettivista e tribale. L’agenda ultranazionalista del Cremlino si è anche, a volte, tradotta in sostegno a gruppi neonazisti a livello internazionale volti a destabilizzare i paesi democratici.  

Le connessioni tra lo stato russo ei movimenti neonazisti in tutta Europa sono ampie e ben documentate e molte di queste relazioni illustrano un legame esplicito con la guerra della Russia contro l’Ucraina. Proprio la scorsa settimana, il 15 giugno, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha designato uno di questi neonazisti – Anton Thulin – come terrorista globale appositamente designato. Thulin, cittadino svedese, era uno dei tre uomini con una storia nel Movimento di resistenza nordico neonazista che sono stati condannati nel 2017 per aver preso parte a un attentato dinamitardo in un centro profughi a Göteborg, in Svezia. Gli investigatori svedesi hanno scoperto che Thulin e un altro complice avevano ricevuto un addestramento sulle armi a San Pietroburgo dal gruppo paramilitare russo Partizan .  Partizantiene corsi di addestramento alle armi per conto di un’organizzazione ultranazionalista chiamata Russian Imperial Movement, che ha avidamente sostenuto l’invasione russa dell’Ucraina. Il movimento imperiale russo era stato precedentemente designato dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti come organizzazione terroristica globale appositamente designata nell’aprile 2020 per aver fornito addestramento per atti di terrorismo. Nonostante l’onnicomprensiva repressione dei gruppi della società civile interna in tutta la Russia, curiosamente il Movimento Imperiale Russo continua ad operare.

Secondo i media tedeschi, anche diversi membri dei gruppi neonazisti tedeschi Third Way e Young Nationalists hanno ricevuto un addestramento nel campo del Partizan vicino a San Pietroburgo. I resoconti dei media indicano che anche membri dei movimenti neonazisti in altri paesi europei, tra cui Danimarca e Slovacchia, hanno ricevuto addestramento paramilitare in Russia. 

Il Cremlino promuove inoltre un ecosistema informativo di estrema destra composto da ultranazionalisti russi e piattaforme mediatiche la cui propaganda alimenta direttamente la narrativa neoimperiale del Cremlino che cerca la sottomissione e la russificazione dell’Ucraina.  Geopolitica.ru è una di queste piattaforme per gli ultranazionalisti russi per diffondere disinformazione e propaganda mirando al pubblico europeo e di altro tipo.  Geopolitica.ru è stato ispirato dal fascista russo Alexander Dugin. Nel 2015, gli Stati Uniti hanno sanzionato Dugin per aver reclutato “attivamente” “individui con esperienza militare e di combattimento per combattere per conto dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk”. Un altro proliferatore russo di propaganda virulenta di estrema destra e anti-occidentale è Katehon, un cosiddetto “think-tank” con sede a Mosca con chiari collegamenti con lo stato russo e i servizi di intelligence russi. Inoltre, la Strategic Culture Foundation è una rivista online diretta dal Foreign Intelligence Service russo e strettamente affiliata al Ministero degli Affari Esteri russo. Una delle sue tattiche principali è pubblicare pensatori marginali e teorici della cospirazione nei paesi occidentali, dando loro una piattaforma più ampia.  

Queste odiose piattaforme di estrema destra sono strettamente collegate tra loro, così come al governo russo. Leonid Savin, caporedattore di Geopolitica.ru , è in precedenza caporedattore di Katehon e, secondo quanto riferito, è un membro della Military-Scientific Society del Ministero della Difesa russo. Dugin è un socio dello sponsor di Katehon , Konstantin Malofeyev, che ha anche fondato Tsargrad TV, che sputa disinformazione di estrema destra. Secondo i media, Malofeyev ha servito da procuratore per le operazioni di influenza di estrema destra del Cremlino in Europa, sponsorizzando riunioni e conferenze di partiti ultra-conservatori, oltre a finanziare direttamente politici e opinionisti che criticano i valori liberali e sostengono le politiche del Cremlino. Gli Stati Uniti hanno sanzionato Malofeyev nel 2014 come “una delle principali fonti di finanziamento per i russi che promuovono il separatismo in Crimea” e per il finanziamento di “attività separatiste nell’Ucraina orientale”. Da febbraio 2017, Katehonè stato guidato da Mikhail Yakushev, la cui carriera includeva periodi in una fondazione gestita da Vladimir Yakunin, un ex ufficiale del KGB ed ex direttore delle ferrovie russe con stretti legami con il Cremlino. Yakunin, che è anche sanzionato dagli Stati Uniti per il coinvolgimento nell’invasione russa dell’Ucraina nel 2014, ha contribuito a fondare il “think-tank” del Dialogo delle civiltà a Berlino, noto per aver diffuso la propaganda di estrema destra del Cremlino.  

Signor Presidente, le ideologie ultranazionaliste hanno portato alla morte di decine di milioni di esseri umani nel ventesimo secolo. Hanno provocato genocidio e vasta distruzione nel continente europeo. Nonostante ciò, la Russia continua a schierare l’ultranazionalismo di estrema destra al servizio di soggiogare l’Ucraina e al servizio di sostenere i movimenti nazionalisti neonazisti e di estrema destra in tutta Europa volti a destabilizzare e rovesciare la democrazia. La Russia desidera da tempo discutere del neonazismo in questo Consiglio, brandendo questo argomento come una minaccia. L’ultranazionalismo di estrema destra è infatti presente nella regione dell’OSCE e dobbiamo parlare chiaramente di chi lo sostiene e a quale scopo.  

https://osce.usmission.gov/the-russian-federations-ongoing-aggression-against-ukraine-15/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: