la Corte dell’Aja ha da poco stabilito che nel Donbas c’era un conflitto internazionale pianificato e diretto dal Cremlino.

Trascrizione dell’udienza della sentenza MH17
17 novembre 2022, 13:30 – JCS, Schiphol, Paesi Bassi

Buon pomeriggio, signore e signori,
oggi la corte si riunisce ancora una volta nel caso penale MH17.
Il tribunale distrettuale dell’Aia emetterà oggi la sua sentenza in merito a tale causa.

Come ha affermato il tribunale il 9 marzo 2020, questo procedimento penale era stato a lungo atteso da molti, così come molti attendevano con impazienza questo giorno, il giorno in cui questo tribunale avrebbe pronunciato la sua sentenza.

Ed è anche per questo che ci sono così tante parti interessate e persone qui presenti oggi. Naturalmente sono presenti i pubblici ministeri, l’avvocato difensore di Pulatov e l’avvocato dei parenti di MH17, ma ci sono anche molti parenti e rappresentanti stranieri. C’è anche un grande interesse da parte dei media. Vi do il benvenuto all’udienza, sia che siate seduti in quest’aula o in una delle altre aule di questo edificio. Benvenuti anche a coloro che seguono i lavori tramite il live streaming, che oggi sarà trasmesso non solo in inglese, ma anche in russo.

Prima di pronunciare la sentenza, la Corte rileva, riprendendo oggi l’udienza sospesa il 22 settembre 2022, che anche questa volta nessuno degli imputati è presente.

Tuttavia, oggi è presente l’avvocato difensore di Pulatov. Hanno preventivamente informato il tribunale di essere stati esplicitamente autorizzati. Il suo caso sarà difeso.

Gli altri tre imputati, Girkin, Dubinskiy e Kharchenko, sono a conoscenza dell’udienza odierna. I loro casi saranno ascoltati in contumacia.

La difesa, l’accusa e l’avvocato dei parenti hanno comunicato prima di questa udienza di non voler parlare oggi. Posso presumere che sia ancora così? Sto cercando in particolare l’avvocato difensore di Pulatov. (Vedo che stai annuendo in accordo.)

La composizione del tribunale è la stessa del 22 settembre 2022, anche se sono presenti solo i tre giudici che emetteranno le sentenze, oltre ovviamente ai cancellieri.

Il tribunale chiuderà ora il processo in tutti e quattro i casi e pronuncerà immediatamente le sue sentenze.

La pronuncia di queste sentenze pone fine al procedimento penale dinanzi a questo tribunale.

La corte ha parlato molte volte della natura straordinaria di questo procedimento penale. Si può dire che questi procedimenti ei momenti straordinari che vi hanno caratterizzato abbiano lasciato un segno indelebile.

Allo stesso tempo, questo procedimento penale è anche un caso che si è svolto in modo ordinario in conformità con la legge olandese, ed è ai sensi di tale legge che il tribunale emette le sue sentenze, ad alta voce e in pubblico, oggi.

Come di consueto con sentenze così lunghe, il tribunale non leggerà il testo integrale delle sentenze alla lettera, ma leggerà invece un riassunto. Le decisioni e le motivazioni rilevanti sono esposte nelle sole sentenze.

Prima che il tribunale possa stabilire se le accuse siano state provate o meno, il tribunale deve rispondere a una serie di questioni procedurali. Legalmente, questi devono essere affrontati per primi.

Un’importante questione procedurale è se il pubblico ministero fosse autorizzato a perseguire l’imputato. A tale riguardo, la corte considererà, inter alia, il conflitto che si stava svolgendo nell’Ucraina orientale nel 2014, la natura di tale conflitto e l’applicazione delle disposizioni del diritto internazionale umanitario.

Il tribunale affronterà quindi la questione se vi siano prove conclusive nel fascicolo del caso per dimostrare cosa ha causato l’incidente di MH17, seguita dalla questione se l’imputato abbia svolto un ruolo criminale in questo.

Saranno discusse anche le richieste di risarcimento e, se del caso, il tribunale esaminerà anche la condanna.

Per non tenerti in attesa inutile, il tribunale dirà già quanto segue. Il tribunale ha stabilito che il volo MH17 è stato causato dallo schianto di un missile Buk sparato da un campo agricolo vicino a Pervomaiskyi, provocando la morte di tutti i 283 passeggeri e 15 membri dell’equipaggio.

La consegna di questa sentenza richiederà circa un’ora e 45 minuti e non ci sarà interruzione.

Aspetti processuali, natura del conflitto e ricevibilità dell’azione penale

Innanzitutto le questioni procedurali. L’atto di citazione è valido. Il tribunale distrettuale dell’Aia è stato designato per condurre questo processo penale ed è quindi competente.

Diversi aspetti sono rilevanti per rispondere alla domanda se l’accusa olandese avesse l’autorità per perseguire in questo caso. Si tratta di una questione di giurisdizione, limitazione della giurisdizione e la questione se l’accusa ha perso il suo diritto di perseguire.

Giurisdizione 

La prima riguarda il diritto di agire. Questa cosiddetta giurisdizione non è evidente in caso di reati che hanno avuto luogo al di fuori dei Paesi Bassi. Tuttavia, poiché il volo MH17 è stato abbattuto sopra l’Ucraina e l’Ucraina ha trasferito la conseguente giurisdizione ai Paesi Bassi, i Paesi Bassi hanno già giurisdizione solo per questo motivo. Ciò significa che l’azione penale è possibile nei Paesi Bassi, indipendentemente dalla nazionalità delle vittime. 

Limitazioni della giurisdizione secondo il diritto internazionale

Il secondo aspetto attiene alla possibile limitazione della giurisdizione derivante dall’applicazione del diritto umanitario internazionale, noto anche come diritto di guerra. L’avvocato difensore di Pulatov non ha offerto alcuna difesa in merito a una possibile limitazione della giurisdizione. Il giudice ritiene necessario affrontare questo aspetto, in quanto potrebbe essere rilevante per l’ammissibilità dell’accusa, nei casi di tutti gli imputati.

Per determinare se questo caso sia soggetto a tale limitazione, il tribunale deve innanzitutto stabilire se vi sia stato un conflitto armato quando il volo MH17 si è schiantato e, in tal caso, se tale conflitto fosse internazionale o non internazionale. 

Il dispiegamento di armi all’interno di un conflitto armato internazionale da parte di un membro delle forze armate di una delle parti combattenti può essere consentito in determinate circostanze. In tale situazione, l’agente può invocare l’immunità e non può essere perseguito penalmente per l’impiego dell’arma e le relative conseguenze.

Un conflitto armato può essere di natura internazionale fin dall’inizio se il conflitto è tra due Stati. Tuttavia, anche un conflitto armato non internazionale che sembra aver luogo tra uno Stato e un gruppo può qualificarsi come conflitto armato internazionale, se un altro Stato dirige de facto tale gruppo. Il tribunale discuterà passo dopo passo la situazione in Ucraina prima del 17 luglio 2014.

La corte è del parere che il conflitto armato nell’Ucraina orientale tra l’esercito ucraino e il gruppo separatista organizzato iniziato nell’aprile 2014 sia stato così intenso da poter essere qualificato come conflitto armato non internazionale. 

Tuttavia, tale conflitto armato non internazionale può comunque essere considerato un conflitto armato internazionale. Questo può essere il caso, ad esempio, se un altro stato ha de facto il controllo generale su un gruppo di combattenti, in modo che in questo modo detto stato sia coinvolto nel conflitto. 
In questo caso, la questione è specificatamente se la Federazione Russa avesse il controllo generale sul DPR nel 2014. La corte ritiene che questo sia stato il caso per diversi motivi.

Molti dei leader all’interno della DPR all’epoca erano cittadini russi. Inoltre, alcuni avevano un background militare russo, inclusi gli accusati Girkin e Dubinskiy. 

Alcuni leader della DPR avevano stretti legami con la Federazione Russa. 

Nelle conversazioni intercettate, ad esempio, viene regolarmente menzionato il contatto con persone altolocate nella Federazione Russa, identificate come “Mosca” o più precisamente con il Cremlino. 

Da giugno ad agosto 2014, ad esempio, il primo ministro della DPR Borodai ha mantenuto contatti quasi quotidiani con Surkov, all’epoca uno stretto consigliere del presidente Putin. Secondo Borodai, Surkov era “il nostro uomo al Cremlino”.

I leader della DPR e Surkov erano anche in contatto per quanto riguarda le nomine per più posizioni ministeriali all’interno della DPR. 

Tipicamente, ad esempio, in una conversazione telefonica registrata del 16 maggio 2014, Borodai afferma che il governo della DPR deve essere annunciato e che Mosca lo ha colto di sorpresa, dato che sta per essere nominato primo ministro. 

Oltre a questi stretti contatti, la Federazione Russa offre supporto in battaglia.

Organizzazioni come l’OSCE e Human Rights Watch hanno segnalato la fornitura, l’armamento e il finanziamento di separatisti da parte della Federazione Russa. Questi rapporti menzionano convogli di armi militari trasportati oltre confine. Questa impressione emerge anche dalle conversazioni intercettate. 

Per quanto riguarda la questione del controllo complessivo, è rilevante anche la questione se la Federazione Russa abbia assunto un ruolo di coordinamento e abbia impartito istruzioni al DPR. 

Ci sono ampie indicazioni di tale. 

Ad esempio, oltre ai rapporti a “Mosca” sulla situazione sul campo, come battute d’arresto e successi, una serie di conversazioni telefoniche intercettate indicano una pianificazione da parte delle autorità russe. 

L’11 luglio 2014, ad esempio, Surkov ha informato il primo ministro della DPR Borodai di aver parlato con le persone incaricate di “tutta questa storia militare” e che hanno indicato che stanno facendo i preparativi e intendono accelerare tutto. 
Si accenna anche al ruolo di Mosca rispetto a specifiche operazioni. In una conversazione intercettata datata 4 luglio 2014 sulla città ucraina di Sloviansk, un leader della DPR afferma che “Mosca” non vuole che Sloviansk si arrenda. poiché non è arrivato alcun supporto effettivo, l’accusato Girkin ha lasciato Sloviansk e ha trasferito il suo quartier generale a Donetsk. 

Il 21 luglio 2014, quattro giorni dopo lo schianto del volo MH17, Borodai ha ricevuto una chiamata con un numero di telefono russo. Borodai ha chiesto di parlare con “il capo”, perché aveva bisogno di consigli e istruzioni sulla gestione dell’incidente dell’MH17, ad esempio per quanto riguarda i veicoli refrigerati e la scatola nera. 

Borodai voleva anche conoscere argomenti di discussione per una conferenza stampa. Borodai ha notato che presumeva che i “nostri vicini” avrebbero voluto dire qualcosa sulla questione. 

Secondo il parere della corte, il fatto che Borodai menzioni qui i “nostri vicini” e chieda del “capo”, anche se ha la più alta carica all’interno del DPR, conferma che il capo con cui chiede di parlare è un rappresentante del governo russo autorità.

Diverse organizzazioni menzionano il fuoco dell’artiglieria sul territorio ucraino, che dall’inizio di luglio 2014 sarebbe provenuto dalla Federazione Russa. Testimoni hanno anche rilasciato dichiarazioni sull’equipaggiamento russo con personale militare russo che attraversava il confine, effettuava bombardamenti e successivamente rientrava. 

In una conversazione intercettata il 17 luglio 2014, l’imputato Pulatov ha affermato che la Russia potrebbe dare il via, mentre l’accusato Dubinskiy ha risposto che la Russia intendeva sparare contro le posizioni ucraine dalla sua parte. Queste sono chiare indicazioni di azioni militari reciprocamente coordinate.

La corte conclude quindi che la Federazione Russa ha fornito assistenza finanziaria alla DPR, fornito e addestrato truppe e fornito armi e altri beni. 

Da metà maggio 2014 in poi, la Federazione Russa ha inoltre esercitato un’influenza decisiva sulle nomine a posizioni di alto livello all’interno della DPR ed è stata coinvolta nel coordinamento di azioni militari nonché nell’esecuzione di azioni militari sul territorio ucraino. 

Questi fattori, che sono descritti più dettagliatamente nella sentenza, portano il tribunale a concludere che la situazione da metà maggio 2014 in poi è stata quella in cui la Federazione Russa ha esercitato un controllo generale sul DPR. 

La corte è quindi del parere che da metà maggio 2014 in poi, e anche il 17 luglio 2014, sul territorio dell’Ucraina si sia svolto un conflitto armato internazionale tra l’Ucraina e la DPR, in cui la DPR era controllata dalla Federazione Russa . 

Cosa significa questo rispetto alla posizione degli imputati e alle possibilità di perseguirli?

Come affermato, solo i membri delle forze armate di una delle parti combattenti in un conflitto armato internazionale possono invocare l’immunità, in determinate circostanze. La questione è quindi se la DPR ei suoi membri possano essere considerati elementi delle forze armate russe. Ciò richiederebbe alla Federazione Russa di accettare il DPR come pertinente e di assumersi la responsabilità della condotta e delle azioni dei combattenti sotto il comando del DPR. 

La corte osserva che non è così. 
Fino ad oggi, la Federazione Russa nega qualsiasi controllo o coinvolgimento con la DPR durante quel periodo. Gli imputati hanno anche negato pubblicamente di aver fatto parte all’epoca delle forze armate della Federazione Russa. I combattenti della DPR e quindi anche gli imputati non possono essere considerati parte delle forze armate della Federazione Russa.

Solo per questo motivo, non hanno il diritto di prendere parte alle ostilità e allo stesso modo non hanno diritto all’immunità dall’azione penale in relazione allo schianto del volo MH17. 
La conclusione è che non vi è alcuna limitazione della giurisdizione ai sensi del diritto internazionale.

Argomenti della difesa circa la violazione di norme di legge e di regolamento interno 

L’avvocato difensore di Pulatov ha sostenuto che l’accusa ha perso il diritto di procedere. Elenca numerose violazioni delle norme di legge e di trattato e dei principi del giusto processo, che a suo avviso sono sufficientemente gravi da dover essere motivo di ritenere che l’accusa abbia perso il diritto di procedere e debba essere dichiarata inammissibile. 
Nel valutare i potenziali errori procedurali, il tribunale considera l’equità complessiva del processo. Solo gli errori procedurali che ledono direttamente il diritto a un giusto processo possono essere causa della più grave conseguenza giuridica dell’inammissibilità dell’accusa. 

Il problema è che il tribunale deve indagare sull’accusa in modo indipendente, imparziale, aperto e senza pregiudizi. E l’imputato deve essere in grado di richiedere un’indagine e avere un’adeguata capacità di presentare una difesa contro le accuse.

La corte discuterà cinque questioni addotte dalla difesa come ragioni per le quali l’accusa non avrebbe dovuto essere autorizzata a procedere. Questi includono la pubblicazione dei risultati delle indagini, l’emissione della citazione senza preavviso, l’approccio fazioso dell’accusa, la compilazione del fascicolo dell’accusa e la limitazione del diritto di interrogare i testimoni.

Pubblicazione dei risultati dell’indagine

In primo luogo, si tratta di dichiarazioni rilasciate dalla SIC e dall’accusa prima dell’inizio di questi procedimenti penali in conferenze stampa, in termini abbastanza categorici, su ciò che si ritiene sia accaduto al volo MH17. Il 19 giugno 2019 a tali dichiarazioni sono stati collegati i nomi e le fotografie dei quattro imputati nel procedimento penale. 

La corte era a conoscenza di queste e altre dichiarazioni nei media e le ha menzionate esplicitamente durante la prima giornata del tribunale. La corte si è tenuta alla larga da questa copertura mediatica e non ne è stata influenzata.

Per quanto riguarda il fatto che l’accusa abbia oltrepassato i limiti durante le conferenze stampa, la corte ha ritenuto che informare il pubblico in generale ei parenti dell’accusa prevista fosse intrinsecamente un obiettivo importante e giustificabile. Questo vale certamente in un caso così importante e di tale impatto sociale come quello del volo MH17. 

Le dichiarazioni dell’accusa e della SIC sulla sorte del volo MH17 e la rivelazione dell’imputato possono, tuttavia, aver contribuito a formare l’opinione pubblica su questo procedimento penale. 

Rilasciare i dati personali degli imputati e mostrare le loro fotografie durante le conferenze stampa è quindi una potenziale violazione del loro diritto alla privacy e quindi un vizio procedurale. Secondo il tribunale, non è immediatamente chiaro che queste informazioni dovessero essere rilasciate al pubblico e che non potessero essere rese note ai parenti in altro modo se non tramite una conferenza stampa che poteva essere vista in tutto il mondo.

Allo stesso tempo, il tribunale rileva che, dopo l’annuncio del loro procedimento giudiziario, gli imputati sono stati anche identificati a livello internazionale e inseriti nelle liste dei ricercati, il che significa che le loro identità sono state comunque rilasciate. Dopotutto, una rapida ricerca su Internet ha rivelato immediatamente i nomi e le fotografie degli imputati. 
Il tribunale ritiene pertanto che la violazione della privacy dell’imputato sia stata limitata. Inoltre, non ha avuto conseguenze per l’equità del processo. 

Né l’intervista nel principale quotidiano olandese NRC Handelsblad, diversi giorni dopo l’indirizzo dell’accusa e la richiesta di condanna, con il capo del team dell’accusa che indaga sull’incidente del volo MH17 cambia questa visione. Quell’intervista includeva dichiarazioni molto categoriche e talvolta anche schiette al di fuori dell’udienza nei procedimenti penali in corso. Essenzialmente, tuttavia, quelle dichiarazioni erano semplicemente ripetizioni dell’indirizzo dell’accusa e della richiesta di condanna che si era conclusa poco prima. 

Per quanto riguarda le dichiarazioni abbastanza categoriche e schiette di altri alti funzionari pubblici, queste non possono essere imputate all’accusa. Queste dichiarazioni non hanno influenzato l’opinione della corte in questo procedimento penale.  

E poi c’è l’istanza messa in rete dalla Procura il 18 maggio 2022. 

Il sito web recita: “In questa pubblicazione digitale, puoi leggere, ascoltare e vedere quali prove sono contenute nel fascicolo dell’accusa”.

In udienza, il tribunale ha già espresso il suo stupore per il lancio di questa applicazione a causa dei tempi e delle modalità con cui è stata messa online. L’accusa non ha fornito spiegazioni in udienza.

Stante le modalità con cui è impostato e concepito, a parere del tribunale, tale ricorso non costituisce uno strumento spontaneo. È vero il contrario; ci sono voluti molto tempo, impegno e preparazione. La condivisione, tra l’altro, di documenti del fascicolo dell’accusa con il pubblico in generale, in un momento scelto con cura e in modo pianificato, è inappropriata perché il fascicolo dell’accusa era ancora sub iudice.

L’accusa ne era consapevole e secondo il tribunale ha quindi agito deliberatamente in violazione di tale principio. Inoltre, meno di due ore prima che questa domanda fosse messa online, il tribunale aveva revocato una restrizione alla fornitura di informazioni ai parenti, che era stata in vigore fino a quel momento. Tuttavia, la fornitura di informazioni è rimasta soggetta a condizioni adeguate alla corretta amministrazione della giustizia. Per questo motivo, la pubblicazione può essere descritta come un palese disprezzo di una decisione espressa del tribunale.

Inoltre, il ricorso è privo di qualsiasi qualificazione o riferimento alle dettagliate argomentazioni e posizioni della difesa, tra l’altro, in merito all’utilizzabilità e al valore probatorio di alcuni documenti che sono stati anche inclusi nel ricorso. 

La corte è quindi dell’opinione che l’accusa non può ragionevolmente sostenere che la pubblicazione di questa domanda abbia avuto uno scopo nella giustizia penale, per non parlare del fatto che sia stata il risultato di un giusto e ragionevole bilanciamento degli interessi. Non era necessario e pregiudica gravemente le prestazioni magistrali che ci si deve e ci si può aspettare dall’accusa.

L’avvio di questa applicazione viola i principi del giusto processo. 

Tuttavia, la corte non ha permesso che ciò influenzasse la sua visione aperta e imparziale e la sua valutazione del fascicolo e delle accuse. Né ciò ha avuto alcuna conseguenza per il corretto svolgimento del processo in quanto tale. Tenendo presente ciò, il tribunale non applicherà quella che sarebbe la conseguenza più grave di questo errore: l’esclusione dell’accusa.

Convocazione senza preavviso

In secondo luogo, la difesa menziona la citazione notificata senza preavviso all’imputato Pulatov, senza che questi fosse stato informato dell’accusa a suo carico. Si riferisce a questo come a una convocazione senza preavviso. La posizione di Pulatov avrebbe potuto essere presa in considerazione nella decisione di procedere. Avrebbe anche potuto chiedere al giudice istruttore di svolgere una controistruttoria, piuttosto che farlo in pubblica udienza, per cui sarebbe stato utilizzato un quadro valutativo a lui più favorevole.

Le conseguenze della citazione senza preavviso menzionate dalla difesa non portano, tuttavia, a ritenere che il processo sia stato iniquo.

L’accusa può emettere un atto di citazione senza informare l’imputato in anticipo.

Contrariamente a quanto affermato dalla difesa, il giudice non ha applicato un criterio di valutazione delle richieste di accertamento diverso da quello che avrebbe utilizzato il giudice istruttore. In effetti, il tribunale ha applicato il criterio dell’ampia pertinenza. La corte inoltre non vede come l’imputato possa essere stato svantaggiato dal dover presentare le sue richieste di accertamento all’udienza pubblica piuttosto che nell’intimità dell’ufficio del giudice istruttore. Inoltre, l’imputato ha rifiutato di utilizzare alcune possibilità per impedire un’udienza pubblica del suo procedimento penale.

L’avvocato difensore avrebbe potuto, ad esempio, chiedere all’accusa di ritirare l’atto di citazione. Oppure, in prima giornata di giudizio, il difensore avrebbe potuto chiedere al tribunale un rinvio aperto al giudice istruttore per poter presentare al giudice istruttore richieste di accertamento. Peraltro, l’imputato non si è lamentato della citazione senza preavviso, presentando un’eccezione preliminare prima del processo vero e proprio, ma lo ha fatto solo molto più tardi durante le sue difese orali, cioè dopo che era stata discussa la sostanza della causa.

Alla difesa è stata offerta dal giudice l’opportunità e anzi se ne è avvalsa appieno per presentare istanze istruttorie al giudice affinché possa presentare quanto ritenuto necessario per la difesa, in risposta agli esiti dell’originaria istruttoria.

La corte ha anche notato che Pulatov è stato interrogato dopo la sua convocazione, ma prima che il processo avesse inizio. Durante quell’intervista nella Federazione Russa, Pulatov non colse immediatamente l’opportunità di raccontare la sua versione dei fatti e in questo modo tentò di impedire l’udienza pubblica del suo procedimento penale. Su consiglio dei suoi avvocati olandesi, in quell’intervista ha invocato il suo diritto al silenzio. Pulatov ha indicato di voler testimoniare davanti a un tribunale olandese, ma alla fine non l’ha mai fatto.

Pulatov ha scelto di utilizzare i messaggi video come mezzo per contribuire senza indicare che sentiva che di conseguenza i suoi diritti erano stati limitati o ridotti.

La considerazione di tutti questi elementi porta il giudice a concludere che la citazione senza preavviso non ha comportato una violazione delle norme procedurali.

Approccio di parte dell’accusa

In terzo luogo, la difesa ha sostenuto che, durante le indagini, l’accusa non è riuscita a mantenere una visione obiettiva e critica in ogni momento. Il fulcro di questa linea di difesa è che l’accusa è stata guidata dalle dichiarazioni rilasciate dal servizio di sicurezza ucraino (SBU) subito dopo lo schianto del volo MH17. Inoltre, gran parte delle prove in questo procedimento penale sono state ottenute da o tramite la SBU.

La corte la vede diversamente. L’accusa ha condotto le proprie indagini. Ogni volta che utilizzava prove presentate da o tramite la SBU, l’accusa riconosceva esplicitamente l’origine di quel materiale. Ciò ha garantito cautela e ha portato all’esecuzione di indagini di verifica e convalida.

Compilazione del fascicolo dell’accusa

Il quarto argomento si riferisce al fatto che la difesa continua a dubitare che tutti i documenti rilevanti siano stati inclusi nel fascicolo dell’accusa.

È vero che anche dopo che ciò era stato ripetutamente ed esplicitamente sottolineato dal tribunale, l’accusa ha erroneamente omesso di concludere di propria iniziativa che alcuni documenti erano rilevanti per l’inclusione nel fascicolo dell’accusa. Piuttosto, l’accusa ha lasciato tale decisione al tribunale. L’accusa avrebbe dovuto prendere la decisione da sola.

La questione di ciò che è rilevante, tuttavia, richiede anche maggiori prove da parte della difesa rispetto al semplice suggerire che il fascicolo dell’indagine possa contenere dettagli a discarico. Dopotutto, se qualcosa è rilevante dipende anche da ciò che l’imputato ha da dire sulle accuse.

Se tale posizione non è stata dichiarata o non è stata sufficientemente motivata, la pertinenza di un particolare documento è più difficile da valutare. Fino al momento in cui i difensori presentavano argomentazioni orali, tali posizioni chiare erano per lo più carenti e quindi non potevano essere prese in considerazione per determinare se specifici dettagli fossero rilevanti.

Inoltre, la difesa ha avuto o ha avuto accesso a un gran numero di documenti del fascicolo dell’indagine che non fanno parte del fascicolo dell’accusa. La difesa ha citato solo un piccolo numero di quei documenti nelle sue argomentazioni orali e ha chiesto di includerne ancora meno nel fascicolo dell’accusa. Apparentemente, quindi, pochi di essi erano rilevanti.

Dato questo stato di cose e rispetto alla dimensione considerevole del fascicolo dell’accusa, la corte è convinta che il fascicolo dell’accusa contenga i documenti rilevanti per consentire una sentenza in questo procedimento penale.

Testimoni e diritto di interrogatorio

Il quinto e ultimo argomento è l’affermazione che, rispetto al numero molto elevato di testimoni e periti in questa complessa e lunga indagine, il numero molto limitato di richieste di indagine della difesa concesse ha limitato la capacità di Pulatov di esercitare il suo diritto di difesa in modo così severo, che pregiudicava il suo diritto a un giusto processo.

L’avvocato difensore di Pulatov sostiene anche che erano troppo severamente limitati nel loro diritto di esaminare i testimoni nei casi in cui erano concesse interviste ai testimoni.

In merito alle restrizioni applicate ai colloqui approvati e condotti, il giudice non ravvisa motivi per ritenere che siano state applicate dal GIP ulteriori restrizioni rispetto a quelle necessarie a tutelare gli interessi legali tutelati.

Inoltre, più importante del numero di richieste accolte o respinte è la questione se il tribunale utilizzerà dichiarazioni specifiche come prova e, in tal caso, in che modo tali dichiarazioni si collegano all’altro materiale utilizzato come prova. Questa linea difensiva non può quindi sfociare in una dichiarazione di inammissibilità.

Conclusione sul diritto di agire

Cosa significano gli argomenti di cui sopra per il diritto dell’accusa di perseguire? Rimangono due difetti.

In primo luogo, nelle conferenze stampa l’accusa e la SIC hanno descritto in modo abbastanza categorico ciò che si credeva fosse accaduto al volo MH17 e le accuse contro gli imputati, che sono stati identificati per nome e fotografie di accompagnamento. C’è stato, inoltre, il lancio dell’applicativo contenente le prove di cosa ‘è accaduto al volo MH17, e chi ne è responsabile?’

La corte afferma anzitutto di non essere stata influenzata da tali vizi, e che anche la capacità della difesa di presentare linee difensive non ne è stata conseguentemente ridotta. Tutto sommato, questi procedimenti legali non possono essere qualificati come abusivi. Inoltre, contestualizzate, e tenuto conto dell’ampiezza dell’indagine e dell’importanza del caso, i vizi non giustificano la sanzione più grave della prescrizione.

Andamento degli eventi nell’incidente dell’MH17 e valutazione del materiale probatorio

La corte discuterà ora le prove utilizzate per arrivare alla sua sentenza. Il tribunale si concentrerà prima sulla causa del disastro e poi discuterà il possibile ruolo dell’imputato.

Il 17 luglio 2014, il volo MH17 si è schiantato in Ucraina, provocando la morte di 283 passeggeri e quindici membri dell’equipaggio.

La corte ritiene legalmente e definitivamente provato che il volo MH17 si è schiantato a seguito di essere stato colpito da un missile Buk lanciato da un campo agricolo vicino a Pervomaiskyi.

Ci sono ampie prove che giustificano questa conclusione.

Prove importanti per concludere che il missile sia stato lanciato vicino a Pervomaiskyi sono fornite dalle fotografie di una scia di fumo, nota anche come scia di inversione. Questa prova è supportata dalla dichiarazione del testimone M58 e dalle immagini satellitari di detto sito di lancio.

L’impressione trasmessa da questa evidenza si riflette pienamente anche nel contenuto delle conversazioni intercettate e del materiale visivo. Anche il frammento di testata a forma di farfalla di un missile Buk che è stato scoperto nei resti di un membro dell’equipaggio e pezzi di un missile Buk trovati in un solco e un traliccio dell’aereo forniscono la prova che un missile Buk è stato lanciato. Anche i risultati delle indagini dell’Istituto forense olandese (l’NFI) e dell’Accademia militare reale belga (l’RMA) ne sono la prova.

La corte discuterà prossimamente queste prove in modo più dettagliato, ma prima di farlo, desidera fare il seguente commento.

Il fascicolo dell’accusa contiene decine di relazioni di periti, iscritti e non, nominati dal gip. Prima della loro nomina, il giudice istruttore non solo ne ha determinato la competenza in materia, ma anche la loro indipendenza e obiettività.

Da un lato, la corte vede nel rappresentante della russa Almaz-Antey una persona esperta in materia. Dopotutto, Almaz-Antey è il progettista e produttore del sistema d’arma Buk. D’altra parte, Almaz-Antey è un’impresa statale, associata alle autorità della Federazione Russa.

Nello specifico, queste autorità negano qualsiasi coinvolgimento nel conflitto nell’Ucraina orientale e qualsiasi coinvolgimento nell’incidente dell’MH17. A sostegno di queste affermazioni, le autorità della Federazione Russa hanno ripetutamente presentato materiale inteso a dimostrare che non loro ma le autorità ucraine erano responsabili dell’incidente dell’MH17. 

Queste cosiddette prove, tuttavia, si sono ripetutamente rivelate contraffatte o hanno rivelato evidenti segni di manomissione. Già per questo motivo, l’associazione di Almaz-Antey con le autorità della Federazione Russa compromette il peso convincente delle sue affermazioni o di quelle del suo rappresentante. 

Inoltre, Almaz-Antey come organizzazione ha interesse all’esito dell’indagine, perché sono state imposte sanzioni ad Almaz-Antey in relazione a MH17. Il tribunale non considera quindi il rappresentante di Almaz-Antey un perito obiettivo e indipendente come previsto dalla legge.

Questo solo motivo non rende prive di pregio le risultanze e le conclusioni di questo rappresentante.

Per convincere la corte che le sue conclusioni erano accurate, Almaz-Antey non avrebbe dovuto limitarsi ad avanzare affermazioni, ma avrebbe dovuto comprovare le sue conclusioni in modo completamente chiaro, trasparente e verificabile.

Ha fallito sotto questo aspetto. Il semplice riferimento alla sua lunga esperienza e ai molti rapporti sulle proprie ricerche non sono sufficienti per far dubitare il tribunale dei risultati delle indagini condotte da periti oggettivi e indipendenti.

Né i rapporti di un’agenzia americana appaltati dall’avvocato difensore di Pulatov hanno convinto la corte. In breve, il contenuto di questi rapporti ripete semplicemente le conclusioni raggiunte da Almaz-Antey, sulla base dei principi affermati da Almaz-Antey, ma senza ulteriori argomenti a sostegno o indagini proprie.

Come risulterà chiaro, queste relazioni non offrono quindi quasi alcun valore aggiunto.

Deliberazioni sulla struttura delle prove

La corte esaminerà ora le prove. 

Come detto, le varie immagini di una scia di fumo o di una scia di inversione sono importanti per quanto riguarda la prova che il volo MH17 è stato abbattuto da un missile Buk sparato da un campo agricolo vicino a Pervomaiskyi.

La persona che ha scattato la prima serie di foto è stata intervistata come testimone. Ha dichiarato che le foto sono state scattate da un balcone della sua casa a Torez il 17 luglio 2014 alle 16.25. Le immagini, la fotocamera e la scheda di memoria sono state esaminate dall’IFN. Nulla indica alcuna manomissione delle immagini su queste fotografie. L’ora in cui sono state scattate le foto è stata verificata dal Royal Netherlands Meteorological Institute (KNMI). 

Sulla base dell’esame delle caratteristiche del paesaggio sulle foto, il tribunale conclude che le foto sono state scattate a Torez e che il sentiero di inversione ha origine dalla direzione di Pervomaiskyi. Queste conclusioni, combinate con l’ora in cui sono state scattate le immagini e assumendo la posizione del volo MH17 nel momento in cui è scomparso dal radar, consentono alla corte di stabilire che queste foto mostrano la scia di inversione di un missile sparato dalla direzione di Pervomaiskyi verso volo MH17 all’incirca nel momento in cui il volo MH17 si è schiantato.

Inoltre, il file comprende altre due foto di una pista di inversione che sono state trovate su Internet. La persona che ha scattato queste foto non è stata identificata. Le foto risultano essere state caricate il 17 luglio 2014 e presentano la cosiddetta “Data di modifica del file” del 17 luglio 2014 16.22. Le caratteristiche del paesaggio in questa foto collocano il fotografo in un condominio nel centro di Snizhne e indicano un percorso di inversione verso sud, dove si trova Pervomaiskyi. Anche queste foto sono state esaminate dal KNMI. 

Ciascuna delle foto di Torez e Snizhne indica solo una direzione dell’origine del sentiero di inversione. Se viste nel contesto e considerando la pendenza del paesaggio, tuttavia, queste direzioni si intersecano leggermente a ovest di Pervomaiskyi.

Inoltre, il tribunale si è avvalso delle dichiarazioni del testimone M58. È un testimone oculare importante e ha rilasciato dichiarazioni molto complete e dettagliate. 

M58 ha dichiarato di far parte del gruppo di ricognizione sotto il comando dell’imputato Kharchenko. Nel pomeriggio in cui il volo MH17 è stato abbattuto, si trovava vicino a un posto di blocco vicino a un incrocio sulla strada da Snizhne a Marinovka. 

Sulla base del punto su un’immagine satellitare in cui il testimone M58 ha tracciato l’intersezione, altri disegni che ha fatto dell’intersezione e ciò che ha affermato al riguardo, sembra essere l’intersezione sulla T0522, leggermente a ovest di Pervomaiskyi. Quel pomeriggio, M58 è stato posizionato in un punto in un campo nell’angolo nord-ovest dell’incrocio.

Era vicino alla tenda o alle tende che erano state erette in quel campo e sentì qualcosa che percorreva la strada non asfaltata nel campo a sud del campo dove si trovava. Ha descritto il suono come quello dei cingoli di un carro armato. Poco dopo ha sentito una forte esplosione e ha notato un missile che zigzagava lasciando dietro di sé una scia di fumo.

Ha visto come l’aereo è caduto dal cielo dopo che il missile è esploso. Successivamente, quando si diresse verso l’incrocio e guardò nel campo adiacente, osservò un Buk TELAR che era a corto di un missile. Successivamente, il Buk TELAR lo ha superato all’incrocio. Il tribunale ritiene che il campo riferito a M58 come il luogo in cui ha osservato che il Buk mancava un missile, si trova esattamente nell’area da cui ha avuto origine la scia di fumo che si trova sulle immagini di Torez e Snizhne che sono state appena discusse.

Sulla base di un rapporto di uno psicologo forense, la difesa ha sostenuto che le dichiarazioni di M58 sono inaffidabili a causa di un gran numero di carenze.

Come l’accusa, il tribunale rileva che questi esempi di presunte carenze si basano molto spesso su una rappresentazione errata delle dichiarazioni stesse o delle circostanze in cui sono state rese, in modo tale che il tribunale ignorerà le conclusioni tratte nel rapporto.

Tuttavia, ciò non ha alcuna incidenza sul fatto che il tribunale stesso debba valutare l’attendibilità del testimone M58 e delle sue dichiarazioni. La Corte osserva al riguardo quanto segue.

L’esattezza dei molti aspetti della dichiarazione di M58 in merito alla sua partecipazione al combattimento armato a fianco del DPR è stata verificata. Non solo per mezzo di informazioni pubblicamente disponibili, ma anche per mezzo di informazioni che non sono state condivise con il pubblico. Pertanto, il tribunale non ravvisa alcun motivo per dubitare delle sue dichiarazioni in merito a detta partecipazione. Ciò vale anche per la sua presenza all’incrocio rilevante il giorno in cui si è schiantato l’MH17. 

Tuttavia, ciò non significa ancora che non ci sia motivo di dubitare dell’essenza del suo resoconto di ciò che è accaduto quel giorno, poiché M58 ha rilasciato dichiarazioni incoerenti riguardo ad alcune questioni durante varie interviste.

La corte ha spiegato a lungo nella sentenza perché, quando ha esaminato le interviste e il modo in cui sono stati condotti i contatti con M58, non ha trovato alcuna indicazione che tali incongruenze fossero dovute a inesattezze intenzionali. Ciò significa che M58 non ha rilasciato dichiarazioni ingannevoli.

Tuttavia, il tribunale ha anche valutato se le incongruenze nella sua dichiarazione influenzino il valore probatorio dell’essenza del suo racconto, poiché la sua memoria potrebbe averlo fallito.

La corte osserva che, nelle interviste successive, l’M58 ha spesso affrontato questioni che aveva discusso in precedenti interviste e ha continuato ad apportare correzioni al riguardo.

Dato il trascorrere del tempo e la situazione frenetica, il tribunale non ritiene sorprendente che sia sorto un certo grado di incertezza con M58. Si tratta di dettagli che non era a conoscenza nel momento in cui li ha osservati, potrebbero diventare rilevanti.

Ad esempio, l’ora e il luogo esatto in cui si trovava, la distanza esatta tra il Buk TELAR e l’incrocio ea quale altitudine stava volando l’aereo. 

Ciò significa, da un lato, che il valore probatorio dell’affermazione di M58 rispetto a tali dettagli non è grande, ma, dall’altro, che tali incongruenze non incidono sulla sua affermazione rispetto a quelle osservazioni che devono aver fatto molto maggiore impatto a causa della loro natura. Ciò riguarda l’effettivo lancio di un missile Buk e la gioia di colpire un aereo militare e il passaggio dalla gioia all’orrore quando divenne chiaro abbastanza presto che era stato colpito un aereo passeggeri invece di un aereo militare. Non aveva mai dubbi quando si trattava di questioni che avrebbero necessariamente fatto una grande impressione su una persona.

Di conseguenza, il tribunale ritiene attendibile la dichiarazione di M58. 

Anche l’uso delle dichiarazioni di M58 non è contrario a un giusto processo.

La difesa ha potuto interrogare questo testimone per diversi giorni davanti al gip. In tal modo, la difesa e l’accusa hanno avuto ampie opportunità di porre domande e M58 ha risposto a tutte le domande che gli sono state rivolte. Alcune restrizioni si applicavano allo svolgimento dell’interrogatorio, ma erano necessarie per proteggere il testimone. 

Inoltre, l’affermazione di M58 non è isolata nel complesso della struttura probatoria. Le prove comprendono anche foto convalidate, video, conversazioni intercettate, dettagli dell’antenna di trasmissione e perizie.

Il file comprende anche un’analisi delle immagini satellitari del campo agricolo. Tale analisi supporta la conclusione che il campo agricolo indicato da M58 fosse il sito di lancio. Un confronto dell’immagine satellitare di questo campo agricolo realizzata il 16 luglio con quelle effettuate il 20 e 21 luglio 2014 mostra che in quel periodo si sono verificati diversi cambiamenti che potrebbero indicare che nel frattempo è stato lanciato un missile.

Si tratta di una zona triangolare di colore scuro del campo nell’angolo nord-occidentale del campo. Il giornalista che ha osservato e filmato quella parte del campo il 22 luglio 2014 ha citato tracce di incendio. Sparare un missile Buk provoca un getto di fiamma che può provocare un incendio. 

Più in basso sono visibili tracce che corrono nella macchia scolorita del campo e sono larghe oltre tre metri, simili a quelle di un Buk TELAR. Quelle tracce si trovano nell’angolo designato dal KNMI, in base alla direzione del vento, come l’angolo più probabile in quella zona del campo per il lancio. 

Quel lato settentrionale del campo soddisfa anche i requisiti per il dispiegamento di un Buk TELAR. Il terreno è accessibile, protetto da un posto di blocco separatista e privo di cavi ad alta tensione. Inoltre, il campo si trova alla massima elevazione in un raggio di cinque chilometri ed è appena visibile a causa dei filari di alberi. Per bersagli che volano ad alta quota la distanza di un Buk TELAR dal filare di alberi è meno rilevante. Inoltre, il filare di alberi fornisce una copertura diretta. 

Inoltre, in diverse conversazioni telefoniche intercettate tra i separatisti la mattina del 17 luglio 2014, è stato discusso che un Buk era in viaggio e doveva procedere verso “Pervomaiske”. La corte ritiene che questa sia una prova molto convincente che questo campo vicino a Pervomaiskyi fosse il sito di lancio e che si trattasse di un missile Buk. 

Il valore probatorio della sostanza di queste conversazioni è rafforzato ancora una volta dal fatto che l’immagine dipinta in queste conversazioni circa l’origine e la destinazione del Buk TELAR è confermata dai dati dell’antenna di trasmissione. Insomma, la ricollocazione dei telefoni incaricati del trasporto in base alle conversazioni intercettate coincide con la tratta percorsa dal Buk TELAR.

Il Buk TELAR è stato anche catturato su filmati in diverse occasioni in un momento che corrisponde a questo percorso fino vicino a Pervomaiskyi. Pertanto, il Buk TELAR è stato spostato in direzione est da Donetsk via Makiivka, Zuhres e Torez a Snizhne.

A questo proposito, il tribunale fa riferimento alla foto scattata su Illicha Avenue a Donetsk, al video registrato vicino alla rotonda del Motel a Donetsk, al video vicino a Makiivka, al video a Zuhres e alla foto e al video a Torez, che mostrano come un Buk TELAR è stato trasportato verso Snizhne, in ogni caso sullo stesso rimorchio a pianale Volvo con cabina bianca. 

Le immagini di Donetsk mostrano chiaramente che il Buk TELAR trasportava missili Buk verdi con testa bianca. Il tribunale ha visto nel video registrato a Makiivka che in quel momento erano presenti quattro persone. 

La foto e il video di un Buk TELAR che si dirige a sud da Snizhne verso Pervomaiskyi mostrano un Buk TELAR che non viene trasportato su un rimorchio a pianale ma che all’epoca guidava semovente. 

Ciò indica che il Buk TELAR non era lontano dal sito di schieramento previsto. Al momento in cui questo video è stato registrato, il Buk TELAR si trovava effettivamente a pochi chilometri dal campo in questione vicino a Pervomaiskyi.

Nel video registrato a Luhansk la mattina presto del 18 luglio 2014, il tribunale ha notato che manca un missile. Sulla base della dichiarazione del testimone S21, delle conversazioni intercettate e dei dati dell’albero di trasmissione, il tribunale ha stabilito che si tratta proprio dello stesso Buk TELAR.

Queste immagini sono state verificate per quanto possibile per quanto riguarda la posizione e i tempi e ne è stata esaminata l’autenticità. Non sono state riscontrate tracce di manomissione. 

Infine, il tribunale basa la sua convinzione che un missile Buk sia stato sparato contro MH17 e abbia effettivamente abbattuto MH17 sui rilievi relativi ai frammenti provenienti da un’arma rinvenuta sul luogo dell’incidente che sono stati analizzati.

Nel fare ciò, il tribunale ha tenuto conto di frammenti che sono sia specifici di una determinata arma e, allo stesso tempo, hanno un evidente legame con la causa dell’incidente, cioè perché sono stati recuperati dai corpi delle vittime o sono rimasti intrappolati in pezzi di relitto e, di conseguenza, deve provenire dall’arma.

Un frammento specifico è stato recuperato dal corpo di uno dei membri dell’equipaggio nella cabina di pilotaggio. La corte riconosce in questo frammento una chiara forma di papillon incompleta. 

Inoltre, l’indagine mostra che questo frammento è difficilmente distinguibile, o per niente, in termini di composizione elementare da, e appartiene allo stesso gruppo di, altri frammenti che sono stati recuperati da corpi e pezzi di relitto. Sembra inoltre che questi frammenti non siano distinguibili, o quasi, dai frammenti a forma di papillon di una delle testate Buk di riferimento del nuovo tipo. 

La difesa ha sostenuto, riferendosi alle ricerche eseguite da Almaz Antey, che il frammento rinvenuto non può provenire dall’unico frammento a forma di papillon poiché è troppo leggero.

Tuttavia, il tribunale ritiene che dal test nell’arena con un missile completo con una testata Buk del nuovo tipo derivi che dopo la detonazione i frammenti della testata si rompono in pezzi più piccoli. Alcuni frammenti a forma di papillon con un peso originale di 8,1 grammi pesavano solo 2,5 grammi dopo la detonazione. 

In quanto tale, sembra possibile che il frammento di 5,7 grammi che è stato recuperato fosse anche, in origine, un frammento a forma di papillon, basato su quel peso, che è unico per una testata del nuovo tipo. 

Un secondo frammento rilevante per la corte è il rigonfiamento verde rinvenuto incastonato nella scanalatura del finestrino sinistro del pozzetto. Questo grumo è stato analizzato e si è concluso che il grumo corrisponde alla piastra di base del vecchio e del nuovo tipo di missile Buk. In considerazione delle numerose somiglianze estetiche osservate anche dalla stessa corte, non vi è alcun dubbio che il grumo verde faccia parte di tale piastra di base. 

Questo vale anche per una parte metallica che è stata recuperata arrotolata e incorporata in un telaio. Questa parte metallica è stata studiata anche per l’aspetto esteriore come forma, strisce e tracce. Si è concluso che la parte corrisponde al pannello scorrevole di entrambi questi tipi di missile Buk. Queste osservazioni sono state fatte anche dalla stessa corte, e la composizione di questa parte corrisponde anche a una parte specifica del vecchio e del nuovo tipo di missile Buk. Secondo l’esperto di RMA, il blocco colpito dinamicamente e la parte metallica sono unici per un sistema d’arma Buk.

In considerazione del luogo in cui sono stati rinvenuti, il frammento a forma di papillon, il nodulo e la parte metallica dell’arma devono provenire dall’arma che ha colpito MH17. Sulla base del loro aspetto esteriore e della loro composizione metallurgica, questi oggetti identificano l’arma come un missile Buk. Nessuno di questi frammenti relativi alla causa del disastro indica un’arma diversa da un missile Buk. Ecco perché il tribunale attribuisce grande valore probatorio a questi elementi di prova.

In conclusione, il tribunale ritiene che ciascuna delle suddette fonti, le foto di Torez e Snizhne, le dichiarazioni di M58, le riprese satellitari, le conversazioni intercettate e i dati dell’antenna di trasmissione, le foto e i video di un Buk TELAR del 17 e 18 luglio 2014 e i rilievi riguardanti il ​​frammento nel corpo, gli oggetti nel telaio e la scanalatura del velivolo, costituiscono di per sé una forte prova per concludere che MH17 sia stato, in effetti, colpito da un missile Buk. Tuttavia, se considerate nel contesto e l’una in relazione all’altra, la corte ritiene che non sussista alcun ragionevole dubbio.

Pulatov ha affermato che le conversazioni telefoniche intercettate avevano lo scopo di fuorviare e dare al nemico l’impressione che fosse presente un Buk TELAR quando in realtà questo non era vero, o almeno che detto Buk TELAR non fosse operativo. 

La corte ritiene che ciò sia del tutto inverosimile. Le prove utilizzate dimostrano che c’era davvero un Buk TELAR con missili che si è diretto verso Pervomaiskyi, che ha effettivamente sparato un missile Buk da un campo agricolo, che ha abbattuto MH17. Di conseguenza, questa linea di difesa è ampiamente smentita dalle prove.

Alcuni degli imputati e altri individui hanno suggerito, lontano dall’aula, che le prove, come immagini e materiale audio, siano state manomesse. La corte osserva al riguardo che tale suggerimento non tiene conto del fatto che non si tratta di una singola foto, video o conversazione intercettata, ma piuttosto di una moltitudine di tipi di prove, che in molti casi si sono resi rapidamente disponibili .

Il tribunale ritiene inconcepibile che una tale quantità di prove di diverso tipo possa essere stata fabbricata in modo così rapido, efficace e coerente senza lasciare una sola traccia. 

Le prove sono state vagliate da vari esperti, di diverse discipline, e di vari paesi che non sono coinvolti nel conflitto e non è stata trovata una sola traccia di manomissione.

Deve essere stato Zaroshchenske? 

La difesa di Pulatov ha sostenuto che il missile Buk deve essere stato lanciato da una posizione vicino a Zaroshchenske. Richiama i rilievi contenuti nelle relazioni di Almaz-Antey e le dichiarazioni rese dal rappresentante di Almaz-Antey al giudice istruttore.

Il tribunale può attribuire qualsiasi valore alle conclusioni di Almaz-Antey solo se sono verificabili e il ragionamento è del tutto chiaro, trasparente e riproducibile.

Tuttavia, la corte osserva che i periti del Centro aerospaziale olandese (NLR) e dell’Accademia militare reale belga (RMA) concordano sul fatto che i metodi ei principi di Almaz-Antey non sono trasparenti.

In particolare, poiché le modalità e i principi base di Almaz-Antey che ipotizzano un’area di lancio prossima a Zaroshchenske non sono chiari, trasparenti e riproducibili per gli altri periti, e di conseguenza non sono neppure verificabili dal giudice, le relazioni e le conclusioni di Almaz-Antey e il suo rappresentante mancano di persuasione.

La già citata agenzia americana ha fatto riferimento anche all’area di lancio calcolata. Questo rapporto critica i risultati della NLR e della RMA. Allo stesso tempo, in un riferimento alle conclusioni e ai principi fondamentali di Almaz-Antey, senza alcun argomento di prova, si sostiene che le conclusioni di Almaz-Antey sono corrette.

Anche il rapporto dell’agenzia americana non chiarisce perché questi principi, risultati e conclusioni di base sarebbero corretti e, di conseguenza, non riesce ancora a dare la necessaria cogenza ai calcoli di Almaz-Antey.

Sorge la questione se sia comunque possibile che l’area di lancio debba effettivamente essere ricercata vicino a Zaroshchenske e se siano state condotte indagini sufficienti sulla possibilità di uno scenario diverso da quello principale. Oltre a questo scenario principale, la SIC ha condotto indagini approfondite su altri scenari, ma li ha accantonati per una serie di ragioni convincenti.

In ogni caso, quelle altre possibilità sono già escluse da prove legittime e convincenti che, a parere del tribunale, dimostrano in modo incontrovertibile e conclusivo che MH17 è stato abbattuto da un missile Buk, sparato da un campo vicino a Pervomaiskyi. Non è quindi necessario seguire in modo esaustivo altre linee di indagine.

Infine, con riferimento a un rapporto dell’agenzia americana, la difesa di Pulatov ha fatto riferimento a quello che ritiene essere lo scenario alternativo più plausibile: che un Buk TELAR ucraino debba aver lanciato un missile Buk da una zona poco a est di Zaroshchenske, mirato a un aereo dell’Air India che aveva varcato il confine con la Federazione Russa, viaggiando da est.

La corte sottolinea in primo luogo che questo scenario è già confutato dalle prove discusse in precedenza e come tale non rappresenta uno scenario alternativo che non contraddica le prove. Ci sono, tuttavia, più ragioni per cui questo scenario dovrebbe essere spedito al regno della fantasia.

Al momento del lancio del missile, l’aereo Air India era già ben oltre la portata del missile Buk. A quel punto, non è tecnicamente possibile lanciare un missile Buk.

Inoltre, il funzionamento degli echi radar esclude la possibilità che il ricevitore di bordo del missile Buk possa aver captato il segnale dell’MH17 in volo. Dopotutto, il radar del Buk TELAR trasmetterebbe costantemente segnali con un angolo di dieci gradi verso est, verso l’aereo Air India, il presunto obiettivo originario. Poiché in quel momento MH17 si stava avvicinando da una direzione diversa, vale a dire nord-ovest, quei segnali non avrebbero potuto raggiungere MH17 ed essere riflessi da MH17.

La corte dubita inoltre che un missile Buk – lanciato in direzione est – possieda una manovrabilità sufficiente da essere in grado, in volo, di completare l’inversione a U che sarebbe stata necessaria per colpire MH17. Tuttavia, il tribunale ritiene non necessario indagare su tale possibilità, stante le ragioni tecniche precedentemente menzionate che già escludono tale ipotesi.

Inoltre, il tribunale ritiene irrilevante e quindi inutile interrogare i relatori associati all’agenzia americana in qualità di testimoni esperti, stante la sopra menzionata mancanza di credibilità e cogenza dei rapporti di questa agenzia. Il tribunale respinge pertanto tale richiesta.

MH17 è stato quindi abbattuto da un missile Buk sparato contro MH17 da un TELAR da un campo vicino a Pervomaiskyi.

Ruolo dell’imputato e sua interpretazione giuridica

Il tribunale ha accertato da un gran numero di conversazioni intercettate ciò che è avvenuto nei giorni precedenti lo schianto dell’MH17 nell’Ucraina orientale.

Approfondite indagini sull’attendibilità e l’autenticità delle conversazioni intercettate non hanno rivelato alcuna indicazione che suggerisca che questo materiale non fosse affidabile o autentico. Le indagini hanno anche identificato in modo convincente chi ha preso parte alle conversazioni.

Sulla base di questa indagine, il tribunale conclude che tutte le conversazioni intercettate utilizzate dal tribunale come prova sono state condotte dagli imputati sui numeri di telefono loro attribuiti e che tali conversazioni erano autentiche e non manomesse.

Il fascicolo dell’accusa contiene anche un cospicuo volume di materiale fotografico e video. Questo materiale fotografico e video, come osservato in precedenza, è stato esaminato per quanto riguarda la genuinità e l’autenticità, ma anche per quanto riguarda l’ora e il luogo in cui si sono verificati gli eventi che possono essere visti e ascoltati sul materiale. In un certo numero di casi, sono stati ascoltati l’autore del materiale visivo e altre persone che erano presenti durante la registrazione del materiale visivo. Ove possibile, sono stati esaminati i dispositivi di registrazione.

La corte stessa ha inoltre ordinato un’ulteriore perizia, tra l’altro, di un video di un Buk TELAR semovente a Snizhne e di una fotografia di un Buk TELAR su un rimorchio a Donetsk. In questo esame non è stata trovata alcuna prova di manipolazione.

Nella sentenza, il tribunale descrive un gran numero di conversazioni intercettate e molto materiale visivo, e su tale base trae una serie di conclusioni sul comportamento degli imputati e sul loro ruolo.

Ad esempio, il tribunale afferma che nella notte tra il 16 e il 17 luglio 2014, un Buk TELAR è stato trasportato dalla Federazione Russa da combattenti della DPR. La necessità di un’artiglieria antiaerea di questo tipo esisteva da tempo e dopo i pesanti combattimenti del 16 luglio 2014, in cui il DPR ha subito pesanti perdite senza poter offrire una difesa sufficiente contro gli attacchi aerei, il sistema è stato più che benvenuto.

Il Buk TELAR trasportato nella notte e nelle prime ore del mattino è stato inviato da Donetsk in prima linea vicino al passaggio noto come corridoio, tra Snizhne e il confine con la Federazione Russa a sud. Nel pomeriggio del 17 luglio 2014, lo stesso Buk TELAR è stato schierato nel territorio occupato dalla DPR vicino a Pervomaiskyi, nella loro lotta contro l’esercito ucraino. In conseguenza di tale dispiegamento, il volo MH17 è stato abbattuto, con conseguenze fatali.

Dopo che è diventato chiaro che questo disastro era stato causato dal dispiegamento del Buk TELAR, è stato rapidamente restituito alla Federazione Russa, nell’aspettativa di scongiurare una protesta internazionale.

Dalle prove risulta che l’effettivo arrivo del Buk TELAR è stato avviato dall’imputato Dubinskiy e che il trasporto del Buk TELAR da e verso il sito di lancio è stato organizzato e gestito sotto il suo diretto comando.

In quell’operazione di trasporto c’era anche un ruolo diretto e attivo per l’imputato Kharchenko, che di fatto era responsabile e organizzò la scorta del Buk TELAR da Donetsk a Pervomaiskyi. Kharchenko era anche responsabile di garantire che il Buk TELAR fosse custodito e protetto nell’eventuale sito di lancio. La scorta e la sorveglianza del Buk TELAR durante il trasporto da e verso il sito adatto è un compito cruciale che fornisce un contributo essenziale allo spiegamento del Buk TELAR.

L’accusato Pulatov è stato informato da Dubinskiy dell’arrivo e della presenza del Buk TELAR. L’accusato Pulatov ha incontrato l’accusato Kharchenko, che la mattina del 17 luglio 2014 stava scortando il Buk TELAR, al Furshet di Snizhne dove ha visto il Buk TELAR. Il dispiegamento del Buk TELAR è avvenuto nel contesto dei combattimenti avvenuti a sud di Snizhne il 17 luglio 2014 e nei giorni precedenti. Lo scopo di questo combattimento era creare un passaggio attraverso l’area, il cosiddetto corridoio, verso la Federazione Russa.

L’imputato Pulatov, agendo su istruzioni dell’imputato Dubinskiy, aveva condotto una ricognizione avanzata per quel corridoio e aveva un ruolo di coordinamento nella creazione e nella difesa del corridoio. Il 17 luglio 2014, l’imputato Pulatov è stato fortemente coinvolto nell’adempimento delle sue responsabilità in relazione a tale corridoio.

Nei mesi precedenti e successivi al 17 luglio 2014, in qualità di ministro della Difesa, Girkin ha accusato di essere il comandante militare della DPR. Era responsabile dell’istituzione e del dispiegamento dell’arsenale militare e del dispiegamento dei combattenti della DPR. Ha controllato e comandato il conflitto contro l’esercito ucraino, si è consultato con i suoi comandanti sul campo e ha impartito loro chiare istruzioni strategiche. Ha tenuto colloqui con la LPR e con le persone responsabili a Mosca. Ha anche chiesto assistenza a Mosca per e durante i combattimenti.
La corte osserva che le azioni dell’equipaggio del Buk TELAR durante il lancio del missile Buk a MH17 non possono essere stabilite sulla base del fascicolo dell’accusa.

Il file inoltre non riesce a identificare chi ha impartito l’istruzione di lanciare un missile e perché tale istruzione è stata impartita. Tuttavia, anche senza tale conoscenza specifica, alcune osservazioni devono essere fatte sull’impiego di un Buk TELAR, come elemento essenziale delle deliberazioni legali del tribunale.

Lo scopo principale di un sistema d’arma Buk è abbattere gli aerei. La stessa corte ha osservato l’enorme potere distruttivo dell’arma e le sue conseguenze durante la visita in loco giudiziaria. La possibilità che gli occupanti di un aereo sopravvivano a un attacco missilistico Buk è zero. Chiunque dispieghi un’arma costosa e specialistica come un Buk TELAR sarà pienamente consapevole di questo fatto.

In quello che è noto come il processo di acquisizione del bersaglio che precede lo sparo di un Buk TELAR, viene prima identificato un bersaglio. Il bersaglio viene quindi controllato e viene presa la decisione se sparare o meno un missile contro quel bersaglio.

Queste fasi e decisioni non riguardano solo il funzionamento tecnico di un Buk TELAR, ma sono anche prescritte per la partecipazione alle ostilità, secondo il diritto internazionale umanitario. Si deve anche considerare se il dispiegamento dell’arma provocherà o può provocare danni a oggetti o vittime involontarie.

Ciò può portare alla decisione di interrompere o abbandonare il dispiegamento dell’arma, ad esempio, se si riconosce che l’obiettivo è in realtà un aereo civile.

L’uso di un Buk TELAR richiede anche un equipaggio altamente qualificato. Inoltre, l’arma non può essere schierata casualmente. Il dispiegamento richiede la preparazione necessaria, inclusa la designazione e il trasporto in un luogo in cui l’arma può essere utilizzata.

La preparazione del sistema e l’effettivo lancio di un missile seguono una procedura prestabilita. Tale procedura si suddivide in più fasi, il che significa che il lancio di un missile Buk non avviene accidentalmente o d’impulso, ma in modo molto deliberato e consapevole, secondo un metodo basato su requisiti tecnici.

A giudizio del tribunale, quindi, il lancio del missile contro il bersaglio in questione era intenzionale e comportava premeditazione. Data la natura dell’arma e il bersaglio contro il quale è stato sparato, le conseguenze del lancio del missile sono abbondantemente chiare: vale a dire, la caduta dell’aereo e la morte di tutti i suoi occupanti.

La corte è del parere che sebbene sembri che il missile Buk sia stato lanciato intenzionalmente, ciò è stato fatto nella convinzione che l’aereo bersaglio in questione fosse militare e non civile. Da questo punto di vista, deve essersi trattato di un errore. Tuttavia, un errore di questo tipo non toglie nulla all’intenzione e alla premeditazione.

È anche importante considerare che, a causa dell’assenza di qualsiasi immunità del combattente, come qualsiasi altro civile, l’imputato non aveva il diritto di sparare contro qualsiasi aereo, anche non militare, uccidendo così i militari occupanti. L’atto criminale realizzato di abbattere un aereo e uccidere gli occupanti era quindi inerente al piano originale.

Cosa significa questo per la valutazione delle accuse contro l’imputato?

La corte sottolinea in primo luogo, contrariamente alle affermazioni dell’accusa, che non ci sono prove che gli imputati formassero un gruppo di autori affiatato e collaborativo che si concentrasse sull’abbattimento di aerei ucraini. In tale affermazione non si trova alcun fondamento per la responsabilità penale dell’imputato. Per questo motivo, il tribunale ha esaminato ulteriormente le azioni effettive dell’imputato.

Il tribunale ha inoltre stabilito per ciascun sospettato se potesse essere considerato un coautore, avendo essi stessi dato un contributo sufficientemente importante allo spiegamento del Buk TELAR, e se in tal modo avessero collaborato consapevolmente ea stretto contatto con gli altri.

In caso contrario, il tribunale ha quindi stabilito se l’imputato può comunque essere ritenuto responsabile per i contributi di un’altra persona allo spiegamento. Quest’ultima situazione è indicata come co-perpetrazione funzionale.

La giurisprudenza della Corte Suprema dei Paesi Bassi ha sviluppato una serie di condizioni riguardo a questa responsabilità funzionale. In breve, significa in primo luogo che si deve accertare che l’imputato accetti o ordinariamente accetti che il reato venga commesso. In secondo luogo, deve essere accertato che l’imputato è in grado di determinare se il reato verrà commesso, in altre parole che ha autorità sulla commissione del reato e che può compierlo o distruggerlo.

A questo proposito, l’approccio del tribunale è opposto a quello dell’accusa. Il giudice ritiene più opportuno valutare in primo luogo lo specifico contributo personale dell’imputato al reato. Solo una volta concluso che una persona non può essere vista come autore o corresponsabile, il tribunale arriva alla questione se questo imputato debba essere qualificato come corresponsabile funzionale perché è responsabile del contributo di un’altra persona.

Che poi delinea il quadro giuridico. La corte esaminerà ora la condotta dell’imputato, alla luce di questo quadro.

Kharchenko era stato incaricato dal suo superiore gerarchico Dubinskiy di trasportare, scortare e custodire il Buk TELAR, fino a raggiungere il suo eventuale sito di lancio a Pervomaiskyi. Kharchenko ha eseguito tale istruzione, per cui ha tra l’altro impartito istruzioni ai suoi subordinati nell’esecuzione di tali compiti. Successivamente ha anche informato Dubinskiy del dispiegamento riuscito del Buk TELAR e del fatto che era stato messo in sicurezza. Inoltre, sempre su indicazione di Dubinskiy, ha organizzato la rimozione del Buk TELAR.

La corte vede Kharchenko come un caposquadra collaboratore in azioni essenziali che hanno contribuito all’effettivo lancio del missile Buk. Il suo impegno e il suo coinvolgimento in anticipo e nel ritorno del Buk TELAR alla Federazione Russa rappresentano un contributo sostanziale all’eventuale dispiegamento del Buk TELAR presso il sito di lancio. Nella misura in cui lo stesso Kharchenko ha contribuito all’esecuzione, lo ha fatto in stretta e consapevole collaborazione con gli altri coinvolti nello schieramento, compreso l’equipaggio. In quanto tale, Kharchenko deve essere visto come un corresponsabile di entrambe le accuse.

Tuttavia, sia in senso fattuale che legale, è anche penalmente responsabile del contributo dei suoi subordinati allo spiegamento del Buk TELAR. Dopotutto, non solo era a conoscenza dei piani riguardanti lo spiegamento del Buk TELAR, ma ha anche incaricato i suoi subordinati di dare un contributo sostanziale a tale schieramento, consistente nello specifico nella scorta del Buk TELAR, nella guardia del Buk TELAR sul campo e successivamente sparare con il Buk TELAR.

Poiché la corte ha già definito il contributo personale di Kharchenko allo spiegamento del Buk TELAR come complice, la corte non ha bisogno di caratterizzare le sue istruzioni ai suoi subordinati come le azioni di un complice funzionale. Per tale motivo, nei confronti di Kharchenko, il tribunale dichiara provate le principali accuse ai sensi dei punti 1 e 2 (classica) di complicità.

Dubinskiy, il comandante militare di rango all’interno della DPR, ha svolto un ruolo di iniziativa e organizzazione nel trasporto del Buk TELAR dalla Federazione Russa, nella notte e nelle prime ore del mattino dal 16 al 17 luglio 2014, e un ruolo di guida il 17 luglio 2014 come la parte che ha ordinato il trasporto e la sorveglianza del TELAR al sito di lancio. Lasciava l’effettiva esecuzione di questi compiti ai suoi subordinati, ai quali impartiva gli ordini necessari e nei confronti dei quali era quindi in posizione di autorità come loro superiore. Il giudice ritiene tali azioni di importanza così essenziale e sostanziale ai fini della commissione del reato da poterle qualificare come concorso.

Per lo meno, Dubinskiy ha collaborato strettamente e consapevolmente con Kharchenko e l’equipaggio. Queste azioni sono inoltre confermate nelle azioni di Dubinskiy nella rimozione del Buk TELAR in seguito al suo utilizzo. Per quanto riguarda Dubinskiy, le principali accuse sub 1 e 2 come corresponsabile (classico) possono quindi essere dichiarate legalmente e definitivamente provate.

A livello operativo Girkin era il comandante militare di rango della DPR, e come tale aveva la responsabilità (finale) del dispiegamento di attrezzature militari nella e per la DPR. Le conversazioni intercettate rivelano che Girkin mantenne contatti molto regolari con Mosca per quanto riguarda l’equipaggiamento e l’ottenimento di un effettivo supporto militare, compresa l’artiglieria antiaerea con specialisti addestrati, al fine di tenere l’Ucraina orientale. Ciò non può aver avuto altro scopo che quello di dispiegare effettivamente questi sistemi nel conflitto intrapreso dal DPR. Dal fascicolo risulta che ciò è effettivamente avvenuto. Sotto l’autorità di Girkin come comandante militare di rango, si svolsero molti combattimenti, con conseguenti perdite di vite umane e feriti e molti danni materiali. Ciò includeva il fuoco su aerei ed elicotteri, che in numerose occasioni ha provocato il loro schianto.

Sebbene estremamente plausibili data la sua posizione, le prove materiali non provano che Girkin fosse a conoscenza della disponibilità di un Buk TELAR il 17 luglio 2014, prima che fosse licenziato. Non è quindi possibile determinare alcun contributo individuale o attivo a questo evento da parte di Girkin. In quanto tale, non era un classico complice.

Tuttavia, Girkin era e continuava ad essere tenuto al passo con la situazione attuale per quanto riguarda i combattimenti intorno al corridoio, in relazione ai quali impartiva ordini. Ha impartito istruzioni per il rifornimento e il movimento dei carri armati e ha determinato chi era al comando. Tuttavia, Girkin non ha fatto alcun riferimento per telefono a un Buk o al suo dispiegamento.

In qualità di comandante militare di rango, Girkin era in grado di decidere se schierare o meno un Buk TELAR. Tale autorità scaturiva dalla sua carica di Ministro della Difesa, superiore gerarchicamente a Dubinskiy e Kharchenko, e si riflette anche nelle conversazioni telefoniche tenute da Girkin, una volta che divenne chiaro che lo schieramento del Buk TELAR era andato male. A quel punto, Girkin è stato attivamente coinvolto nel ritorno del Buk TELAR alla Federazione Russa, ha emesso gli ordini necessari e ha mantenuto i contatti telefonici sulla questione per assicurarsi di essere informato che i suoi ordini erano stati effettivamente eseguiti.

Inoltre, condurre il conflitto armato era un mezzo importante, ed era in effetti specificamente il mezzo principale impiegato sotto l’autorità di Girkin come comandante militare di rango per raggiungere gli obiettivi del DPR. Parte di quel conflitto armato fu l’abbattimento di aerei. Che il dispiegamento di mezzi militari avesse portato alla perdita di vite umane era un fatto di cui anche Girkin era naturalmente pienamente consapevole. Questo è certamente il caso anche per quanto riguarda il dispiegamento di artiglierie antiaeree per abbattere aerei; cosa che si era già verificata in numerose occasioni prima del 17 luglio 2014.

Sebbene il fascicolo del caso non contenga alcuna prova che Girkin fosse a conoscenza della disponibilità di un Buk TELAR il 17 luglio 2014, si può automaticamente sostenere che un dispiegamento come quello del Buk TELAR il 17 luglio 2014, con conseguente perdita di vite umane, sia stato qualcosa che Girkin avrebbe sicuramente accettato. La corte arriva a questa conclusione sulla base del suo ruolo e della sua posizione di alto livello, della sua richiesta di decente artiglieria antiaerea, del fatto che Girkin era a conoscenza del dispiegamento di attrezzature militari con cui vari aerei erano già stati abbattuti, con conseguente perdita di vite umane ( eventi contro i quali non era stata intrapresa alcuna azione) e il fatto che intorno al 17 luglio 2014 Girkin era attivamente coinvolto nell’operazione militare all’interno e intorno al corridoio.

Ciò si riflette anche nelle sue azioni dopo l’evento: invece di denunciare l’azione, si è attivamente impegnato a far sparire le prove il più rapidamente possibile per evitare il clamore che apparentemente si aspettava. Per tale motivo, il tribunale ritiene legalmente e definitivamente provato che Girkin fosse in grado di decidere in merito allo spiegamento e all’uso del Buk TELAR e che abbia accettato tale spiegamento, comprese tutte le sue conseguenze. Girkin può quindi essere qualificato come corresponsabile funzionale dei reati corresponsabili. Tuttavia, nei suoi confronti, ciò porta alla stessa conclusione di Kharchenko e Dubinskiy, vale a dire che le principali accuse ai sensi dei punti 1 e 2 di corresponsabile possono essere dichiarate legalmente e definitivamente provate.

Nel periodo incriminato, Pulatov era comandante di area nell’esteso ambiente di Snizhne. In quella zona comandava le truppe e aveva il compito di stabilire e mantenere il suddetto corridoio. La corte osserva che il suddetto corridoio ha svolto una funzione essenziale nel mantenere e rafforzare la posizione del DPR nell’area del Donbass. Visto in quel contesto, come coordinatore, Pulatov ricoprì una posizione e un ruolo molto importanti in quella parte del Donbass.

Dalle informazioni raccolte dalle suddette conversazioni intercettate risulta che il 17 luglio 2014, il compito più ampio di gestire il corridoio prevedeva almeno la presa in consegna e il dispiegamento strategico di un numero di carri armati forniti dal battaglione Vostok e la presa in consegna e il dispiegamento del Buk TELAR.

La mattina del 17 luglio 2014, Dubinskiy ha informato Pulatov che Kharchenko intendeva fornire a Pulatov un Buk TELAR, e Dubinskiy ha indicato a Pulatov dove installare il sistema d’arma, insieme alle istruzioni per coordinare tutte queste attività. Poco tempo prima, Dubinskiy aveva impartito istruzioni simili a Kharchenko, quando gli aveva detto di recarsi a Pervomaiske, con il Buk TELAR e che era suo compito scortare e sorvegliare il Buk TELAR. Dal fascicolo risulta che dopo aver ricevuto queste istruzioni da Dubinskiy, Kharchenko partì effettivamente per Snizhne, con il Buk TELAR, dove accettò di incontrare Pulatov al Furshet.

Dalle conversazioni intercettate risulta che nel primo pomeriggio del 17 luglio 2014 si è effettivamente svolto un incontro tra Kharchenko e Pulatov al Furshet di Snizhne, nel momento in cui Kharchenko è arrivato lì con il convoglio che includeva il Buk TELAR. Tuttavia, non è possibile determinare dal fascicolo cosa sia successo o cosa sia stato detto al Furshet.

È certo che, dopo questo incontro, Kharchenko continuò semplicemente ad eseguire le istruzioni che aveva ricevuto da Dubinskiy. La corte non è quindi in grado di concludere che Kharchenko abbia continuato il suo viaggio verso Pervomaiskyi su istruzioni di Pulatov. Dopotutto, questa istruzione gli era già stata impartita da Dubinskiy, il superiore sia di Kharchenko che di Pulatov. È certo, tuttavia, che Pulatov non ha impedito a Kharchenko di continuare a eseguire le sue istruzioni.

Risulta anche dalle prove che poco dopo questo incontro, Pulatov ha chiamato ed è stato richiamato da un numero di telefono che può essere attribuito all’equipaggio del Buk TELAR. Tuttavia, non è stato stabilito alcun contatto.

In queste prove, la corte non vede alcuna prova di un coinvolgimento attivo o addirittura cruciale di Pulatov nell’esecuzione delle istruzioni impartite da Dubinskiy. Dopotutto, il collegamento telefonico non è stato effettuato e tuttavia l’istruzione ha continuato ad essere eseguita. I contatti falliti possono anche non aver avuto un’influenza decisiva sull’esecuzione dell’istruzione, o almeno tale influenza decisiva non può essere determinata.

A parere della corte, il rapporto stabilito dall’accusa tra Pulatov e gli osservatori di aerei è al massimo speculativo, e non giustifica in alcun modo la conclusione che conferma che Pulatov era il fulcro tra il ramo di intelligence della DPR da un lato e il dall’altro l’equipaggio del Buk TELAR.

Non sono inoltre disponibili prove sulla base delle quali si possa concludere che Pulatov fosse responsabile del coordinamento del posizionamento, della sorveglianza o del dispiegamento del Buk TELAR. È inoltre sufficientemente certo che Pulatov non si trovava nelle vicinanze del sito di lancio nel momento in cui il Buk TELAR ha effettivamente lanciato il suo missile.

Il tribunale pertanto non ritiene legalmente e definitivamente provato che l’imputato Pulatov abbia dato un contributo personale allo spiegamento del Buk TELAR tale che, a differenza di Dubinskiy e Kharchenko, non può essere classificato come un classico coautore.

Resta da chiedersi se l’imputato Pulatov, proprio come l’imputato Girkin, debba essere considerato un complice funzionale.

In tale quadro, il tribunale ritiene provato che l’imputato Pulatov fosse a conoscenza del dispiegamento del Buk TELAR nell’operazione per la quale era stato designato coordinatore. Inoltre, da nessuna parte vi è alcuna prova che Pulatov si sia opposto all’arrivo e al dispiegamento del Buk TELAR dal momento in cui sapeva che il suddetto Buk TELAR era disponibile per i separatisti e che doveva essere schierato nell’operazione attorno al corridoio. Per questo motivo, secondo il parere della corte, si può concludere che Pulatov ha accettato l’impiego di detto Buk TELAR. Ciò soddisfa quindi il primo requisito.

Per quanto riguarda il secondo requisito, l’esistenza del potere di disposizione o di comando sullo spiegamento del suddetto Buk TELAR, il tribunale conclude che Pulatov aveva ricevuto l’ordine specifico da Dubinskiy di rimanere nelle vicinanze di Pervomaiske per sorvegliare il Buk TELAR che era en percorso verso di lui e di organizzare tutte le questioni connesse. Tuttavia, come già detto, l’ordine di scortare il Buk TELAR a Pervomaiske e di sorvegliarlo era stato impartito poco prima anche a Kharchenko, da Dubinskiy.

Kharchenko ha effettivamente eseguito questa istruzione; ha scortato il trasporto da Donetsk via Snizhne a Pervomaiskyi e ha organizzato la guardia all’arrivo. Pertanto, non solo non vi è alcuna prova che l’intervento di Pulatov abbia contribuito in alcun modo all’esecuzione delle istruzioni impartite a Kharchenko da Dubinskiy, ma non vi è nemmeno alcuna indicazione che egli possa aver cambiato la situazione.

Indipendentemente dal preciso rapporto gerarchico tra Pulatov e Kharchenko il 17 luglio 2014, e se Pulatov fosse in generale in grado di impartire ordini a Kharchenko, non vi è nulla che suggerisca che Pulatov avesse l’autorità, in questo caso, di modificare o ritirare un ordine rilasciato direttamente da Dubinskiy a Kharchenko. Il suo ruolo di coordinatore nell’operazione militare intorno al corridoio non lo poneva al di sopra di Dubinskiy.

La corte conclude quindi che il potere di disposizione richiesto per la co-perpetrazione funzionale era carente in relazione all’imputato Pulatov.

In breve, a parere della corte, non ci sono prove che lo stesso Pulatov abbia dato un effettivo contributo allo schieramento del Buk TELAR. Inoltre, Pulatov non ha alcuna responsabilità penale per il contributo di altri a questo dispiegamento.

La conclusione quindi è che Pulatov deve essere assolto da ciascuna delle varianti addebitate di entrambi i reati.

La difesa dell’imputato Pulatov ha presentato richieste provvisorie di indagine. Alcune di queste richieste sono state discusse separatamente nella sentenza. Il tribunale ritiene inoltre, per quanto riguarda le richieste non ancora discusse che, stante l’assoluzione di Pulatov, tali richieste non sono o non sono più rilevanti, e di conseguenza non più necessarie. Per tale motivo, tali richieste vengono respinte. Lo stesso vale per la domanda dell’accusa per la sua carcerazione.

Gli accusati Girkin, Dubinskiy e Kharchenko vengono dichiarati colpevoli. La corte caratterizza i fatti provati nei loro casi come due o più reati derivanti dallo stesso atto

– provocare, insieme e in associazione con altri, intenzionalmente e illegittimamente la caduta di un aeromobile, anche se tale incidente fosse idoneo a mettere in pericolo la vita degli occupanti di detto aeromobile, con conseguente morte di detti occupanti e

– insieme e in associazione con altri, commettendo almeno una volta omicidio, cioè 298 volte.
Si tratta di reati per i quali gli imputati Girkin, Dubinskiy e Kharchenko sono perseguibili penalmente.

Richieste di risarcimento

Il tribunale ha ricevuto 306 richieste di risarcimento da parenti. Le 304 domande presentate dai difensori dei familiari riguardano esclusivamente il risarcimento del dolore e della sofferenza.

Due domande presentate dagli stessi parenti riguardavano, oltre al risarcimento del dolore e della sofferenza, anche il risarcimento dei danni materiali, in particolare per la perdita di un computer portatile e il risarcimento delle spese di viaggio sul luogo dell’incidente nell’estate del 2014.

Il tribunale rileva, in conformità con la legge, che nel caso di Pulatov, le parti lese non hanno legittimazione ad agire in quanto Pulatov è stato assolto.

I casi degli altri tre imputati, che sono stati condannati, sono stati ascoltati in contumacia. Il giudice ritiene che l’autorizzazione a procedere in contumacia si applichi anche alle domande presentate dai soggetti danneggiati. Il tribunale è competente a pronunciarsi su tali richieste.

Secondo le disposizioni del cosiddetto regolamento Roma II, le rivendicazioni delle parti lese derivanti da atti illeciti devono essere esaminate nel merito ai sensi della legge ucraina.

Secondo il diritto civile ucraino, nel 2014, i parenti avevano diritto al risarcimento dei danni edonistici. Nel diritto civile olandese, a seguito di una modifica della legge, il diritto al risarcimento per danni emotivi si applica solo se tale danno è stato causato dopo il 1° gennaio 2019. La corte rileva che, nei casi di Girkin, Dubinskiy e Kharchenko, questa modifica a la legge non esclude che le richieste di risarcimento per danni emotivi causati prima del 1° gennaio 2019 siano ammissibili sulla base della legge ucraina.

Ora che gli imputati Girkin, Dubinskiy e Kharchenko sono stati condannati per entrambe le accuse, vengono forniti sia l’atto illecito che l’intento richiesto dal diritto civile ucraino. Sull’esistenza di un nesso di causalità tra gli illeciti dell’imputato e le pretese di risarcimento dei danni morali da parte dei parenti non può esservi dubbio. Non resta che determinare se la natura e l’entità dei danni richiesti possano essere concessi ai sensi del diritto ucraino: in altre parole, il tipo di danno e l’importo.

Ai sensi della legge ucraina, possono essere risarciti sia i danni materiali che quelli morali che sono stati direttamente subiti dai parenti di una persona deceduta. Per aver diritto a tale compenso, il parente deve essere un membro del gruppo degli aventi diritto. Ciò significa il coniuge o il partner registrato, se non sono dello stesso sesso. Comprende anche i genitori, i genitori adottivi, i figli e i figli adottivi del defunto e le persone, compresi i figliastri, con cui il defunto viveva e condivideva una casa. I fratelli che non hanno vissuto con la vittima non sono ammissibili.

Il 17 luglio 2014 le parti lese si sono trovate improvvisamente di fronte alla morte di uno o più cari a seguito del disastro che ha coinvolto il volo MH17. È insopportabile per le parti lese dover vivere con una continua incertezza su ciò che deve essere accaduto nell’aereo negli ultimi istanti e fino a che punto i loro parenti erano consapevoli del loro destino.

I ruoli che le vittime hanno svolto nelle loro famiglie, nelle loro famiglie allargate, nelle loro comunità, a scuola o in palestra, al lavoro o nei loro gruppi di amicizia sono stati chiariti alla corte nelle dichiarazioni scritte sull’impatto della vittima e nei discorsi che i parenti hanno fatto al Tribunale. È stato anche chiarito quanto manchino ancora terribilmente coloro che si sono lasciati alle spalle. Nelle sentenze, la corte ha incluso tredici citazioni di parenti su quella perdita e le sue conseguenze.

Molte delle parti lese soffrono di disturbo da lutto prolungato, disturbo da stress post-traumatico e/o depressione. A questo ha contribuito anche la costante attenzione da parte dei media. Inoltre, è diventato evidente che dover ripetutamente seppellire o cremare una persona cara (o i resti di una persona cara) può provocare una sensazione di irrealtà per i parenti, una sensazione che non sia successo, pur sapendo benissimo che l’amato uno non è più vivo.

Inoltre, questa Corte ritiene che ci siano altre circostanze che devono essere prese in considerazione in questo caso, ad esempio, l’inaccessibilità del luogo dell’incidente, non solo per i parenti che desiderano visitare il luogo in cui sono morti i loro cari, ma anche per i soccorritori . Il volo MH17 si è schiantato in una zona di conflitto e ai soccorritori è stato negato l’accesso al luogo dell’incidente in quella zona, ostacolando notevolmente il recupero delle vittime e dei loro beni.

I corpi sono stati lasciati all’aperto per giorni, settimane o addirittura mesi, esposti alle intemperie. Tutto ciò ha causato grande incertezza per i parenti, che non hanno potuto fare altro che aspettare, impotenti, nella speranza che i loro cari ei loro averi potessero essere recuperati, per poi essere rimpatriati e identificati.

Questa attesa di sapere se si potesse trovare una persona cara ha anche causato un ritardo nel processo di elaborazione del lutto. In alcuni casi è stato possibile recuperare solo una piccola parte dei resti di una persona cara: un pezzo di osso di una mano, parte di una gamba o un piede. In due casi, non è stato possibile recuperare i resti del caro defunto.

Dalle note esplicative alle domande presentate dalle parti offese emerge anche che la presa di posizione dell’imputato in questo procedimento ha accresciuto la sofferenza dei familiari. Oltre a negare qualsiasi coinvolgimento nel disastro dell’MH17, rivelare poco e non collaborare alle indagini, in diverse occasioni hanno rilasciato dichiarazioni negative riguardo al disastro.

Questi sono tutti aspetti che sono rilevanti quando si considera l’importo del risarcimento. Nella sua valutazione dei meriti, la corte ha ritenuto che l’entità del danno fosse stata chiaramente motivata. Tale misura non è stata contestata dagli imputati. Resta ora solo da valutare se tali pretese siano ingiuste o infondate.

In primo luogo, il giudice afferma che il dolore sofferto dalle parti lese non può in alcun modo essere espresso in termini monetari. L’importo richiesto rientra nei limiti della pratica compensativa ucraina. Il giudice ritiene quindi che le somme chieste per il danno morale non siano ingiuste o infondate.

Pertanto, la corte non concorda con le argomentazioni dell’accusa secondo cui la stima del danno morale dovrebbe basarsi sul Decreto Olandese sul Risarcimento dei Danni Emotivi e che dovrebbe essere determinato un importo inferiore per il risarcimento rispetto a quello richiesto.

Il giudice ritiene pertanto che il preteso danno morale sia pienamente ammissibile.

Il tribunale non applicherà l’esclusione dei partner dello stesso sesso prevista dalla legge ucraina, in quanto tale esclusione contravviene alle leggi contro la discriminazione.

Il tribunale non includerà i pagamenti di terzi nella stima dei danni morali richiesti e non sottrarrà tali importi dagli importi pattuiti da riconoscere.

Nel diritto civile ucraino, così come nel diritto civile olandese, i fratelli che non vivevano con il defunto non hanno diritto al risarcimento. Per questo motivo, l’avvocato dei parenti non ha presentato alcuna richiesta di questo tipo in questo procedimento penale. Durante le udienze, il tribunale ha osservato che molti fratelli sono stati danneggiati da questa inammissibilità e l’hanno ritenuta molto ingiusta.

Le dichiarazioni sull’impatto delle vittime hanno reso molto chiaro che le vite dei fratelli sono state radicalmente cambiate a causa del disastro. Questi cambiamenti non sono stati causati solo dal dolore per la perdita del fratello, ma anche dal nuovo e più intenso ruolo che essi svolgono – ovviamente assunto con amore ma anche per necessità – nella cura dei figli dei fratelli o nella cura dei propri genitori dopo il disastro. Questo ruolo nuovo o più intenso significa anche che devono confrontarsi più intensamente con il dolore di questi bambini o genitori.

Per questi motivi, il tribunale sostiene l’appello dei familiari affinché la posizione dei fratelli non conviventi con la vittima sia esplicitamente inclusa nella valutazione anticipata della legge in materia di danni affettivi.

La richiesta di risarcimento per il laptop smarrito non è ammissibile ai sensi della legge ucraina e non può essere presa in considerazione. I parenti che hanno presentato questa domanda non hanno quindi alcuna legittimazione rispetto a quella parte della loro domanda. Le spese di viaggio e alloggio relative alla visita al luogo dell’incidente rivendicate sono ammissibili al risarcimento come spese funebri. La corte ritiene che questi non siano ingiusti o infondati.

Ciò significa che il tribunale condanna in solido gli imputati Girkin, Dubinskiy e Kharchenko a risarcire le parti lese per oltre 16 milioni di euro. Viene riconosciuto anche il tasso di interesse legale richiesto.

Il tribunale imporrà anche un’ordinanza di risarcimento all’imputato per ogni domanda aggiudicata.

La pena da infliggere

In primo luogo, il tribunale desidera affermare che persone diverse dagli imputati in questo procedimento penale possono essere rimproverate per il fatto che i separatisti hanno schierato e utilizzato un sistema d’arma Buk.

Il nocciolo della questione è che l’arma doveva essere fornita prima che potesse essere schierata. Doveva essere trasportato e custodito, e lo spiegamento stesso doveva essere pianificato e realizzato.

È opinione della corte che chiunque abbia avuto un ruolo in questo abbia, almeno, la responsabilità morale per le conseguenze del dispiegamento di un’arma del genere, un’arma che per sua stessa natura è in grado di causare la distruzione totale osservata durante il sito giudiziario visitare.

Quella forza distruttiva ha portato, soprattutto, alla morte delle 298 persone, uomini, donne e bambini a bordo. In un istante, senza preavviso, le loro vite e quelle dei loro cari seduti accanto a loro finirono crudelmente. In quel singolo momento, queste persone sono state derubate della loro vita e del loro futuro.

I resoconti dei parenti rendono abbondantemente chiaro come le vittime avessero goduto di una vita piena. Le loro vite erano tutt’altro che finite, anzi alcune erano appena iniziate, e il loro futuro avrebbe potuto riservare tanto. Il futuro gli è stato brutalmente rubato.

Questo ha gettato nel caos le vite dei loro parenti. È stato chiarito alla corte, con grande effetto, quanto fossero completamente diverse le vite di quei parenti dopo l’incidente dell’MH17: chiaramente, c’era vita prima dell’incidente e vita dopo.

Il tribunale ritiene impossibile per chiunque comprendere come sia stato per i parenti ricevere il messaggio che i loro cari erano morti a causa dell’abbattimento dell’MH17 e come sia stato per loro dover continuare in seguito.

Le conseguenze per molti parenti si sono dimostrate inimmaginabilmente grandi. In alcuni casi hanno perso diversi figli, nipoti, genitori, nonni, fratelli, sorelle e altri membri della famiglia. Di colpo, la loro vita è cambiata in modo terribile; una situazione che persiste fino ad oggi e continuerà per sempre.

La corte desidera anche spendere una parola sull’impatto che l’incidente ha avuto sulla popolazione locale dell’Ucraina orientale. Anche loro hanno dovuto affrontare le terribili conseguenze dell’abbattimento di MH17 il 17 luglio 2014. Relitti e persone sono cadute dal cielo, in alcuni casi letteralmente attraverso il tetto delle loro case. Passò parecchio tempo prima che iniziasse il recupero e il rimpatrio delle vittime e dei rottami. Anche questo deve essere stato spaventoso per loro.

Ad oggi nessuno si è fatto avanti per chiarire chi fosse il responsabile di questa tragedia. Permane quindi l’incertezza sulla causa e sui motivi di questa catastrofe. Questa è una fonte di frustrazione per i parenti e ostacola il loro processo di guarigione.

Una volta chiarito ciò che era accaduto il 17 luglio 2014 e gli imputati capito che un aereo civile era stato abbattuto provocando centinaia di morti, compresi quelli di decine di bambini, tutti e tre si sono impegnati attivamente nel trasporto del Buk TELAR nel territorio della Federazione Russa, da dove era arrivato quel giorno.

È chiaro che ciò è stato fatto per nascondere l’accaduto e il coinvolgimento dei separatisti della DPR con il sostegno della Federazione Russa. Un tale scandalo internazionale doveva essere evitato. Il comportamento degli imputati all’indomani dell’abbattimento di MH17 mette in ulteriore luce negativa i loro atti e costituisce un’aggravante rispetto al peso della pena da scontare.

Il tribunale tiene anche conto del fatto che nessuno degli imputati si è presentato alla SIC per rilasciare una dichiarazione, in cui avrebbe potuto far luce su quanto realmente accaduto. Tuttavia, lontano da questa aula, hanno rilasciato dichiarazioni su questo procedimento penale e sul fatto di essere stati accusati, ma hanno negato di essere coinvolti in alcun modo.

Girkin ha ripetutamente e in qualche modo suggerito in modo suggestivo che i caccia DPR non hanno partecipato all’abbattimento del volo MH17. Oltre a ciò rimane in silenzio sulla questione. Tuttavia, ha fatto commenti molto offensivi sugli occupanti dell’aereo, commenti che erano vicini alla mancanza di rispetto.

Dubinskiy ha affermato in diverse occasioni di non essere stato coinvolto nell’incidente del volo MH17. Respinge a priori ogni coinvolgimento e mette in dubbio l’indagine ei suoi risultati rilasciando dichiarazioni infondate sulla manipolazione di telefonate intercettate e testimoni inesistenti. Ciò è in netto contrasto con le determinazioni che il tribunale fa nella sua sentenza sulla base delle prove disponibili. È evidente da tutto ciò che la corte ha considerato che ne sa di più.

Kharchenko ha affermato che non c’era nessun Buk TELAR situato nell’area in questione, né l’ha mai visto. In tal modo, anche lui rifiuta qualsiasi coinvolgimento a priori. Anche questa posizione è in netto contrasto con i numerosi fatti e circostanze accertati dal tribunale. Anche lui sa meglio.

La corte considera l’atteggiamento e il comportamento dell’imputato, che reagisce o osa reagire solo da lontano, avulsi dalla realtà e quindi irrispettosi e inutilmente offensivi nei confronti dei parenti. Ciò, pertanto, non può in alcun modo incidere positivamente sul peso della pena da irrogare.

Pertanto, sebbene l’imputato abbia contribuito del tutto consapevolmente all’abbattimento intenzionale di un aereo sapendo che le persone a bordo sarebbero morte, un aereo militare – che era probabilmente l’obiettivo prefissato – non ha di norma 298 persone a bordo.

Sebbene fosse vietato anche l’abbattimento di un aereo militare, la corte non può ignorare il fatto che nel contesto del combattimento condotto, un aereo militare sarebbe stato effettivamente di ordine diverso dall’abbattere un aereo civile uccidendo consapevolmente e volontariamente 298 uomini, donne e bambini senza alcun legame con il combattimento.

Sebbene l’intenzione non diminuisca la gravità dell’evento, va al grado di colpevolezza.

A parere del tribunale, le conseguenze del delitto sono così gravi, e l’atteggiamento dell’imputato rispetto a quanto accaduto è così riprovevole, che una pena detentiva limitata non può bastare.

Il processo non ha rivelato alcun fatto o circostanza personale di cui il tribunale debba tener conto al momento della sentenza. Tuttavia, la corte trova ragione nelle decisioni di condanna dei tribunali internazionali, in particolare, per prendere in considerazione il ruolo individuale e la posizione dell’imputato nel determinare una pena appropriata. Per questo il tribunale ha studiato anche i diversi ruoli degli imputati, la loro posizione e responsabilità all’interno del DPR.

Come ministro della Difesa, Girkin aveva il grado più alto in termini operativi nel combattimento armato, e come tale era responsabile dei suoi uomini. Sebbene non si possa stabilire che fosse a conoscenza del dispiegamento di questo specifico Buk TELAR, si potrebbe stabilire che abbia approvato e sostenuto pratiche di difesa antiaerea di questo tipo che si sono svolte sotto la sua responsabilità.

In qualità di comandante, Dubinskiy può anche essere considerato il coordinatore e il caposquadra cooperante in tutte le attività relative alla fornitura, al trasporto, al dispiegamento e alla rimozione dell’arma. Egli quindi non solo ricopriva un’alta posizione gerarchica, appena al di sotto di Girkin, ma svolgeva anche un ruolo importante nella perpetrazione del delitto, contribuendo così in modo determinante.

Kharchenko è colui che, attraverso l’esecuzione degli ordini ricevuti dal suo comandante, Dubinskiy, è stato coinvolto più direttamente nella concreta commissione dei reati ritenuti accertati. Tuttavia, nell’eseguire quegli ordini, a sua volta dava ordini anche ai suoi subordinati. Faceva quindi parte del livello medio della gerarchia.

La corte è del parere che l’alta posizione gerarchica e il considerevole ruolo di coordinamento svolto da Dubinskiy nel prelevare il Buk TELAR dal confine russo nella notte tra il 16 e il 17 luglio 2014, e nel suo dispiegamento diretto lo stesso giorno, come conseguenza del quale è stato abbattuto il volo MH17, così come il suo ruolo nella rimozione del Buk TELAR, può essere punito solo con l’ergastolo.

Il tribunale si è chiesto se il fatto che non si possa stabilire che Girkin fosse a conoscenza del dispiegamento di questo specifico Buk TELAR e che non vi abbia dato alcun contributo concreto, significhi che una pena detentiva (massima) limitata sarebbe sufficiente per lui.

Tuttavia, la corte è del parere che una pena detentiva limitata non renderebbe giustizia alla responsabilità che Girkin aveva, in qualità di ministro della Difesa e comandante delle forze armate della DPR, per il dispiegamento di armi nel conflitto. Del resto, rispetto a questo specifico schieramento, è certo che Girkin non solo ha accettato tali schieramenti, ma li ha anche resi possibili grazie ai suoi contatti con la Federazione Russa. Inoltre, è intervenuto direttamente nel ritorno del Buk TELAR alla Federazione Russa e si è adoperato per facilitarlo.

La corte si è posta la stessa domanda nei confronti di Kharchenko, che ricopriva una posizione gerarchica inferiore e svolgeva le sue funzioni agli ordini del suo superiore, Dubinskiy. Tuttavia, la corte è anche del parere che una pena detentiva limitata non renderebbe giustizia al suo coinvolgimento diretto e attivo nel dispiegamento durante l’operazione.

Dopotutto, è stato lui a impartire ordini ai suoi uomini per far arrivare il Buk TELAR al sito di lancio. È stato anche personalmente direttamente coinvolto nel trasporto e nella sorveglianza del Buk TELAR presso il sito di lancio, e il Buk TELAR è stato nuovamente rimosso quella stessa sera e notte sotto la sua diretta supervisione. La sua posizione gerarchica inferiore, quindi, non controbilancia le considerazioni di cui sopra, tanto che potrebbe bastare una pena detentiva limitata. I fatti sono troppo gravi e il suo ruolo troppo grande perché sia ​​così. Ciò significa che il tribunale condannerà anche Kharchenko all’ergastolo.

Resta da chiedersi se sia stato superato un periodo di tempo ragionevole. Il tribunale ritiene che, data l’interrelazione dei quattro procedimenti penali e la celerità del procedimento penale nei confronti dell’imputato Pulatov, non sia stato superato un termine ragionevole e quindi tale aspetto non debba essere preso in considerazione nella determinazione della pena.

Il giudice, infine, ricorda quanto affermato in sede di eccezioni preliminari in merito alla nominazione dei nomi con i dati anagrafici e all’esibizione di immagini dell’imputato durante una conferenza stampa, nonché in merito all’istanza pubblicata dall’accusa. Il tribunale esaminerà ora le conseguenze che queste violazioni della privacy dovrebbero avere nel determinare la pena. Il tribunale ha tenuto conto della misura in cui l’imputato ha indicato che questi errori procedurali hanno danneggiato i suoi interessi.

A differenza dell’imputato Pulatov, gli imputati Girkin, Dubinskiy e Kharchenko non hanno indicato che i loro interessi sono stati lesi, tanto meno hanno spiegato quali interessi, nello specifico, avrebbero potuto essere lesi. In queste circostanze, la corte non vede alcun motivo per attribuire un tale peso agli errori procedurali che sono stati commessi anche nei loro casi che una pena detentiva limitata piuttosto che l’ergastolo si applicherebbe, comunque, nei loro casi. Nelle attuali circostanze, le conseguenze di una violazione non sono sufficientemente ponderate rispetto alla gravità delle accuse contestate.

In sintesi, il tribunale ritiene che i reati provati siano così gravi e le conseguenze così grandi che, in questo caso, solo la pena detentiva più pesante possibile è una condanna adeguata per ciò che gli imputati hanno fatto, causando così tanta sofferenza alle numerose vittime e i loro parenti.

Il tribunale si rende conto che l’imposizione di questa sentenza non può togliere il dolore, ma esprime l’auspicio che il fatto che la questione della colpevolezza o dell’innocenza sia stata ora, esattamente otto anni e quattro mesi dopo il disastro, risolta possa dare un po’ di conforto ai parenti.

Tutto quanto sopra porta il tribunale a condannare Girkin, Dubinskiy e Kharchenko all’ergastolo.

Considerata la gravità delle accuse accertate, la pena inflitta e la grave violazione dello stato di diritto, il tribunale dispone l’arresto dei condannati.

Il tribunale assolve l’imputato Pulatov.

La corte fa riferimento al testo integrale delle sentenze rispetto alle sue altre decisioni. Per quanto riguarda le decisioni relative ai sequestri, l’accusa non eseguirà tali decisioni fino a quando le cause contro l’imputato non saranno state dichiarate definitive. Questi oggetti, compresa la ricostruzione, saranno disponibili per ulteriori indagini fintanto che questi casi saranno davanti ai tribunali.

Conclusione

La sentenza è stata ora pronunciata in tutti e quattro i casi, portando a conclusione il procedimento in questo tribunale.

Nella misura consentita dalla legge, è possibile presentare ricorso contro tali sentenze entro 14 giorni.

Le sentenze e il testo che è stato letto oggi saranno disponibili più tardi oggi sul sito web del Rechtspraak. Questo vale solo per il testo olandese. Il testo che è stato letto oggi sarà reso disponibile anche sul sito web del Rechtspraak in inglese e in russo entro domani pomeriggio al più tardi.

La versione inglese delle sentenze complete sarà disponibile tra alcune settimane.

Le traduzioni in russo e in inglese di un breve riassunto delle decisioni della corte saranno disponibili da oggi sul sito web di Rechtspraak e su http://www.courtmh17.com.

Questo porta a termine questa udienza. Il tribunale lascerà l’aula, dopodiché il live streaming terminerà.

Le persone presenti in tribunale dovrebbero andarsene in silenzio quando invitate a farlo dall’usciere del tribunale e dai membri della polizia giudiziaria.

Pubblico ministero, difensore e difensore dei parenti rimarranno in aula per ricevere copia delle sentenze da un membro del personale del tribunale.

Grazie per la tua attenzione.
 

Questa è la traduzione della trascrizione olandese dell’udienza. Questa traduzione è stata effettuata da traduttori legali incaricati dal tribunale distrettuale dell’Aia. In caso di discrepanze, fa fede la versione olandese.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: