Tichh Nhat Hąnh

Senza creare scompiglio, nella pace più totale, ieri ci ha lasciato Thích Nhất Hạnh, che è stato tante cose nella sua lunga vita, ma che potrei sintetizzare con due espressioni : monaco buddista vietnamita, poeta ed attivista per la pace e padre della mindfulness, che magari molti di voi praticano.
Sat Nam… Thích Nhất Hạnh.

Il mio topo viaggia in tutto il mondo

Nunzio vobis magnum gaudium,
Storia di un Presidente che si credeva un topo è arrivato a Novosibirsk, in Siberia e ora sta lì a – 20.
Che topo meraviglioso e ringrazio le amiche Julia e Polina per questa bellissima e graditissima sorpresa!
Ad maiora

Quando ho conosciuto i Dervishi grazie a Battiato

Correva il mese di Aprile del 2014 e ancora una volta Battiato entra con prepotenza nella mia vita. Ero ad Istanbul per un progetto europeo sulle disabilità. Dopo 4 giorni di lavoro ad Izmit sul mar di Marmara, ci trasferiamo ad Istanbul per una due giorni di visita. Dopo una lunga giornata trascorsa tra Aghia Sophia, la Moschea Blu ed il Suq, mangiando baklava come se non esistesse un domani, arriva la sera. I miei colleghi decidono di andare in un ristorante sul Bosforo. Ma io avevo altri programmi.
Dopo giorni interi passati ad ascoltare e a cantare Voglio vederti Danzare di Franco, il verso relativo ai Dervishi Rotanti mi rimbombava nel cervello. Potevo non approfittare della mia presenza ad Istanbul per andare a salutarli? Così, sfanculati i miei colleghi, vado dal portiere dell’hotel e gli spiego della mia passione. Ci pensa un attimo, poi mi dice: sei fortunato oggi è giovedì ed è il giorno in cui si riunisce una confraternita Sufi dove ci sono i Dervishi. Chiama la confraternita, si accerta che gli stranieri siano ammessi, e mi chiama un taxy, arrivato in 10 minuti, dandogli indicazioni precise su dove portarmi. Il tassista parlava solo in turco ed era complicatissimo approcciarsi a lui. Presto lascia le strade principali ed inizia a spingersi nei vicoletti della città antica, pavimentati a basoli e illuminati da lampioni a luce gialla. Era la città più antica, quella romana. Arrivato ad un certo punto si ferma. La macchina non poteva procedere oltre, i vicoli erano eccessivamente stretti. Mi fa scendere, pago e mi indica con la mano di andare dritto e poi di svoltare a destra. Erano le 20.30 di un giovedì di aprile. Era già notte fonda, nei vicoli non c’era anima viva e tutte le case erano chiuse. Mi in cammino, così da solo, nella direzione che aveva indicato, sperando di aver capito bene. Fortunatamente dopo 5 minuti di cammino tiro un sospiro di sollievo, quando in fondo ad una strada vedo un’insegna accesa con una parola che assomigliava a quella di confraternita. Busso alla porta e mi apre una donna, gentilissima. Mi prende con cura il giubbotto e lo appende, mi fa togliere le scarpe e le ripone in una enorme scarpiera a muro piena fino all’inverosimile di altre scarpe. Poi, scalzo mi fa entrare in una grande sala con una grande rotonda di legno al centro e due spazi laterali, uno a destra ed uno a sinistra allestiti con delle sedie. Sulle sedie a sinistra vi erano solo uomini, e in quello opposto vi erano solo donne. La signora che mi aveva accompagnato mi dice in inglese che era proibito fare fotografie e si congeda. In 10 minuti entrano sulla rotonda circa 10 uomini, vestiti con mantelli scuri, che ben presto tolgono mostrando gli abiti tipici dei dervishi, con la parte bassa formata da una gonna scampanata che forma quella tipica figura quando iniziano a girare. Un uomo più anziano li tocca sulla fronte, uno per uno, dando inizio alla parte mistica. Recitando delle preghiere i 10 uomini iniziano a volteggiare al centro della rotonda, prendendo presto la tipica posizione dei dervishi rotanti in preghiera. Si perché in sostanza, quello è il loro modo di pregare. Sono asceti della religione musulmana, accaniti sostenitori della pace e per questo, spesso, non ben visti dai musulmani radicali. Nel mentre che si svolgeva lo spettacolo, ci portano delle vivande: prima dei contenitori con una pasta, che sembrava cotta al forno e poi una bevanda a base di kefir veramente buona. Finiti tutti i volteggiamenti, dopo circa 45 minuti, prende la parola un uomo anziano, ben vestito, che, seduto al centro della rotonda, inizia a predicare. Non so cosa dicesse in turco, ma una cosa la so per certa e cioè che tutti i presenti all’unisono iniziarono a piangere, in un pianto a dirotto, che non trovava consolazione. Finita la predica, tutti i presenti si mettono in fila davanti a quest’uomo ed inizia un baciamano intenso, anzi qualcuno gli si butta ai piedi, baciandoglieli. Per non mancare di rispetto a questa persona, mi metto anche io in coda e gli bacio la mano. Finito tutto quello che c’era da fare, verso mezzanotte usciamo all’esterno del centro culturale. Solo, spaesato, senza sapere la lingua e senza sapere dove mi trovavo, faccio 10 passi verso la fine del vicolo, quando da dietro sbuca una macchina grande, una di quelle a 7 posti, e dentro si sbracciano 4 persone, che poi riconosco essere presenti nella sala. Di fatto si offrono di accompagnarmi in hotel e con un’ospitalitá come poche mi offrono da bere, e poi gomme da masticare e quant’altro fino a quando non mi lasciano davanti all’ingresso dell’hotel.
Anche in quella giornata fui grato a Battiato che aveva influenzato l’andamento della mia esistenza.
Ps: le foto che qui posto sono un dono, perché sono riuscito a scattarle di nascosto.

L’agente della Terra di Mezzo

Come ben sa chi mi segue già da un po, siamo in dirittura d’arrivo anche per la pubblicazione e quindi l’uscita al pubblico della mia seconda opera, ossia L’agente della Terra di Mezzo, che uscirà entro la fine del mese di Gennaio e sarà in tutte le librerie a partire dal mese di Febbraio. Per ora ho l’onore di mostrarvi, in anteprima, la copertina del volume. Devo dire che i grafici hanno fatto davvero un ottimo lavoro, realizzando una copertina attraente, sia per le immagini e sia per il colore, che ho amato da subito.

Passaggio attraverso il Matese in bici, tra Sannio Beneventano e Sannio Molisano

Quando si parla di Sannio, come più volte abbiamo specificato nei nostri video, si intende una regione molto vasta, come lo era nel passato, che andava dall’Abruzzo fino a Salerno, mettendo in comunicazione i due mari, l’Adriatico ed il Tirreno. Nel mezzo la dorsale Appenninica divideva le terre in due parti, quelle adriatiche e quelle tirreniche. Ma la dorsale appenninica, a sua volta, rappresenta un luogo pieno di vita, la vera spina dorsale della nostra penisola. Alessio Fragnito, amico di Due Ruote per Terre di Bellezza, ne ha attraversato, in bicicletta ed in solitaria, un tratto, e con precisione parte del massiccio del Matese, che si estende tra le province di Benevento, Campobasso e Caserta. Ne è venuto fuori un video interessante ed accattivante, oltre che visivamente bello per luoghi che attraversa. Da guardare, sia per gli amanti della bicicletta che per gli amanti della montagna.

Vi porto nel mio mondo

Come buona creanza vuole, è opportuno presentarsi al mondo con buone referenze. Bene, mi scoprirò un po’ per volta, prima di entrare nel vivo del blog, per presentarvi i miei scritti. Iniziamo, pertanto, dall’opera a cui tengo di più e che è il mio video blog, quello che da un po di tempo mi accompagna su YouTube. Il vlog lo trovi cercando Giuseppe Tecce sul motore di ricerca di YouTube ed il progetto che porto avanti da un po’ lo trovi con il nome di Due Ruote per Terre di Bellezza. Un progetto che coniuga l’amore per il territorio con l’impatto ecologista, che per forza di cose dovrà caratterizzare i prossimi decenni, pena la morte del pianeta e, di conseguenza, la nostra stessa morte.

Andate a sbirciare tra i tanti video che produco….non ve ne pentirete!

Inauguro il mio blog il 17 di Gennaio di un anno qualsiasi dell’era Covid!

Il 17 Gennaio 2022, inauguro il mio nuovo sito e blog. 

Avevo bisogno di un contenitore all’interno del quale far confluire la mole di materiale prodotto negli ultimi anni. E quale miglior baule, se non un baule virtuale, e quale miglior data, se non un 17 Gennaio, per iniziare questa nuova avventura?

Che le danze abbiano inizio, anzi, che gli scritti abbiano inizio, e ai posteri l’ardua sentenza.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: